Un sabato nel centro storico - Magazine

Un sabato nel centro storico

Attualità e tendenze Magazine Venerdì 24 ottobre 2003

Magazine - Dare una connotazione artistica alle piazze del centro storico. A questo aspira Mario Rivaro, proprietario di una delle gelaterie più amate dai genovesi, la .
«Divertimento sì, ma anche raffinatezza», aggiunge Mario, artefice di un evento che coinvolgerà la città sabato 25 ottobre a partire dalle 18.00. Il centro storico si trasformerà per l’occasione in un luogo di cultura e di intrattenimento, grazie a uno spettacolo itinerante che ricreerà quel clima bohémien tipico delle romantiche strade parigine e che vedrà protagonisti due artisti di strada.

Si tratta del mimo Fabio Bonelli e dello chansonier Alberto Bertolino, munito di organetto. I due partiranno da piazza delle Erbe e percorreranno via Canneto fino a salita Pollaioli. Poi un salto in piazza Ferretto e il ritorno al punto di partenza.
«La mia proposta è stata apprezzata dai commercianti della zona, e insieme abbiamo organizzato una colletta». Fino alle 20.00 i negozi resteranno aperti e fino alle 22.00 si potrà godere di un clima di festa nei vicoli, che proprio in questo periodo sono stati teatro di episodi di violenza: «Proprio per questo bisogna impegnarsi perchè il centro storico rinasca», spiega Rivaro, «e il modo più semplice per farlo è coinvolgere i giovani con iniziative intelligenti e fuori dal comune».

È d’accordo con lui anche Rosa Sidoti, che in piazza delle Erbe gestisce il negozio Carpe Diem e che, insieme ad Alberto Cerchi di , ha in cantiere un altro progetto. Protagonisti ancora i vicoli e, in particolare, le Erbe. «La piazza è ora abbruttita da un grande cantiere, per questo vorremmo approfittare della festa di Halloween, venerdì 31 ottobre, per dare il via ad un’iniziativa pomeridiana che coinvolgerà i bambini: un gioco che permetterà loro di esprimersi artisticamente». I commercianti hanno infatti acquistato un grande telo bianco su cui sarà disegnato il profilo della città e che verrà steso in piazza delle Erbe per essere colorato dai bambini.
«I fenomeni di violenza degli ultimi mesi rischiano di allontanare i genovesi dal centro storico», aggiunge Rosa, «L’unica risposta al degrado è l’impegno di chi nei vicoli vive o lavora a cambiare le cose».


Nella foto Mario Rivaro

Potrebbe interessarti anche: , Amarone della Valpolicella è l'etichetta di vino più apprezzata della Cina , Torna l'ora legale: quando spostare le lancette (forse) per l'ultima volta , LibridaAsporto: libri gratis a casa. Ecco le librerie indipendenti che aderiscono , Coronavirus, nuova autocertificazione del 26 marzo per spostamenti: come cambia il modulo , Coronavirus, Decathlon dona 10mila maschere da snorkeling: diventeranno respiratori

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!