La settimana dei Teatri a Genova - Magazine

Teatro Magazine Martedì 21 ottobre 2003

La settimana dei Teatri a Genova

Magazine - Vola a teatro acquistando i biglietti online con


Fino a venerdì 24
TEATRO CARGO ore 21
IL GIOCATORE, di Luca Goldoni. Con Roberta Andreoni, Massimiliano Caretta, Riccardo Croci, adattamento e regia di Laura Sicignano
Un testo rappresentato raramente. Poco "goldoniano", dalle tinte claustrofobiche e oniriche. Indaga nell'inquietante ossessione del gioco: il rapporto alchemico tra regola e caso, il capovolgimento di Notte e Giorno, il trucco delle carte si riverberano sui personaggi che circondano il giocatore, come in un balletto ipnotico e beffardo.

Da martedì 21 a domenica 26
POLITEAMA GENOVESE - ore 21, domenica h. 16
LADY DAY - BILLIE HOLIDAY LA REGINA DELLO SWING, di Amii Stewart e Massimo Romeo Piparo.
La vita di Billie Holiday, la Signora del blues, fu tormentata, densa di disperazione, ma anche di successo e grandi amicizie. Infatti le sue canzoni sono segnate da una magica leggerezza, quasi come se le sue disavventure appartenessero alla fantasia. Visse accanto a fenomeni come Louis Armstrong, Count Basie, Duke Ellington, Lester Young, Benny Goodman. Il suo modello di voce era Bessie Smith, uno dei suoi tanti ammiratori Frank Sinatra. Sarà proprio un Sinatra giovane e inedito a raccontare la sua Billie. Amii Stewart da corpo e voce alla storia con una band dal vivo.

Da martedì 21 ottobre a domenica 2 novembre
TEATRO DELLA CORTE ore 20.30, domenica h. 16
UNO SGUARDO DAL PONTE, di Arthur Miller, produzione Teatro di Messina con Sebastiano Lo Monaco, Marina Biondi, Alfonso Liguori, Melania Giglio, Michele Riondino, regia di Giuseppe Patroni Griffi.
Sebastiano Lo Monaco torna alla Corte con il capolavoro di Arthur Miller nel ruolo di Eddie Carbone, italo-americano scaricatore di porto travolto dalla passione per la giovane nipote, che lui e la moglie Beatrice hanno accolto in casa dopo la morte dei genitori. Il dramma di Eddie Carbone, commentato dalla presenza dell’avvocato Alfieri in funzione di coro, si svolge all’ombra del ponte di Brooklyn, simbolo della lontananza di due culture (italiana e americana), ma anche metafora di fondamentali momenti di passaggio esistenziali.

TEATRO DELL'ARCHIVOLTO
Tre serate singole: due incontri "letterari" e uno spettacolo in puro stile "archivoltino".
Mercoledì 22, ore 21, Sala Mercato (ingresso libero)
David Grossman incontra il pubblico in occasione della pubblicazione del libro "Col corpo capisco" (Mondadori).
Giovedì 23, alle 17.30, Sala Mercato (ingresso libero)
Paolo Crepet presenta il suo ultimo libro "Voi, noi. Sull'indifferenza di giovani e adulti" (Einaudi). In collaborazione con il circolo culturale I Buonavoglia.
Lunedì 27, alle 21. Alice Underground, concerto di Stefano Bollani con Simona Guarino, Petra Magoni, David Riondino e Giorgio Scaramuzzino. Da Lewis Carroll ai Beatles, un viaggo tra canzoni, letture, non-sense e improvvisazioni jazz.

Venerdì 24 e domenica 26
TEATRO CARLO FELICE ore 20.30, domenica h. 15.30
IL VIAGGIO A REIMS, di Gioacchino Rossini, direttore d'orchestra Nicola Luisotti regia di Dario Fo.
Due partiture: una di Rossini, incastonata di meraviglie che l’autore trasborderà nel successivo "Conte Ory". L’altra di Dario Fo gustosa, canzonante, circense. Ma le due realtà creative sono "affiancate". Nicola Luisotti ne approfondisce la partitura esaltandone la leggerezza, alla guida di un’orchestra tonica, senza sbavature. Le voci: entusiasmante il duo "Belcore": Lawrence Brownlee e la "Corinna" di Elena De La Merced. In grande forma Luciana Serra e Anna Bonitatibus.

Da mercoledì 22 a domenica 26
PALAMAZDA – FIUMARA ore 21, domenica h. 16
NOTRE DAME DE PARIS, di Riccardo Cocciante, Luc Plamondon e Pasquale Panella
Da quando nel 1998 Riccardo Cocciante ha musicato il libretto di Luc Plamondon, il suo nome è andato a far compagnia a quello dei più grandi autori di musical americani. E c’è chi dice che Notre Dame de Paris è un’opera, da affiancare ai classici del genere. In Italia NDDP viene rappresentato col libretto nella versione di Pasquale Panella, già collaboratore dell’ultimo Battisti.

Da venerdì 24 ottobre a sabato 1 novembre
TEATRO DELLA TOSSE ore 21, domenica h. 16
IL SILENZIO DI GENOVA (e gli altri parlano di noi), da Balzac, Cecov, Dante, Dumas e altri, regia Enrico Campanati.
Sei eleganti croceristi ingannano le ore del viaggio commentando la città che si allontana: città noiosissima o affascinante? Aspra cava d’ardesia o rorido, verdeggiante giardino? Alcuni membri dell’equipaggio ogni tanto intervengono. Attraverso i personaggi dello spettacolo parlano autori celebri: Dickens, Dumas, Rosa Luxembourg, Montesquieu, Petrarca, Soldati, Sbarbaro e molti altri. Ai commenti letterari si mescolano proverbi e detti di origine popolare.

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin