Magazine Mercoledì 15 ottobre 2003

Stefano Verdino @ Moleskine

Magazine - Professor Verdino, lei è nel comitato direttivo del semestrale di critica letteraria Nuova Corrente, fondata a Genova nel 1954 da Mario Boselli e Giovanni Sechi. Di cosa si tratta?
E' una rivista di letteratura, che nel suo antico passato ebbe un notevole prestigio: agli inizi in redazione vi fu Leonardo Sciascia, che scrisse un saggio sul romanzo giallo. Vi collaborarono Caproni, Pasolini e Pagliarani, che proprio su questa rivista genovese pubblicò la prima stesura di La ragazza Carla, la sua poesia più nota.
Molot importante fu un fascicolo speciale per Pound, quando ancora era in manicomio negli USA (vi collaborarono Eliot e Montale). Grande fu l'attenzione per Calvino, che stimava molto Boselli, un critico non accademico, di gran fiuto.
Quest'anno la rivista compie mezzo secolo e il fascicolo è stato appena edito (dall'editore Tilgher, di Genova, via Assarotti). Vi è una bella antologia di poesie inedite di autori che sono stati vicini alla rivista: Luzi, Zanzotto, Giudici, Viviani, De Signoribus e altri. Oltre la poesia, un altro filone di attenzione è dato dalla filosofia, con numeri monografici importanti su Adorno, Derrida e altri.

Dove si può acquistare la rivista?
Le riviste hanno ardua diffusione, la cosa migliore è rivolgersi all'editore Tilgher (010 8391140).

Dal 1990 è redattore della prestigiosa "La Riviera Ligure", la rivista che ha visto come collaboratori, molti anni orsono, Dino Campana, Emilio Cecchi, che vide l'esordio sulla rivista come poeta, Umberto Saba, Clemente Rebora, Camillo Sbarbaro e Giuseppe Ungaretti...
E' stata la più importante rivista che si è avuta in Liguria, una geniale sponsorizzazione dell'Olio Sasso, che per clienti e appassionati pubblicò per un ventennio (1899-1919) una rivista color guasto, cioè verdastro, colore oliva, insomma.

È edita dalla Fondazione Mario Novaro, di cosa si occupa questa fondazione?
La Fondazione, diretta da Maria Novaro, custodisce l'imponente archivio della prima Riviera Ligure con lettere e manoscritti di Pascoli, Pirandello, Sbarbaro, Campana e altri. Intende promuovere lo studio di queste carte e acquisire archivi e biblioteche di pregio del Novecento ligure. Nel corso di un ventennio ha lavorato molto sia con convegni, sia con l'acquisizione di carte e documenti, importanti per ricostruire l'immagine letteraria della Liguria.

Continua su www.writers.it/moleskine/verdino/home.htm

Per leggere l'intervista di Ivano Malcotti ad Alessio Brandolini clicca . Per leggere quella ad Anna Maria Farabbi clicca

Potrebbe interessarti anche: , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca

Oggi al cinema

Taxi Teheran Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2015 Seduto al volante del suo taxi, Jafar Panahi percorre le animate strade di Teheran. In balia dei passeggeri che si susseguono e si confidano con lui, il regista tratteggia il ritratto della società iraniana di oggi, tra risate ed emozioni. Si tratta... Guarda la scheda del film