Magazine Lunedì 22 settembre 2003

King vi impara a scrivere

Magazine - Stephen king ci ha abituato a una grande varietà di romanzi. La fiction dello scrittore del Maine occupa un intero reparto delle librerie e vari scaffali nelle case di molti di noi.

Dopo trent’anni di onorato servizio e dopo un incidente che per poco non lo ha portava via, il creatore di Carrie, di It e di decine di romanzi, si è messo alla scrivania per scrivere un romanzo che non è un romanzo, un saggio che non è un saggio.
On Writing è libro che ben si colloca tra una autobiografia e una serie di consigli, o abitudini di vita, che hanno reso Stephen King, uno degli scrittori più amati e letti del pianeta.

Il libro si divide in due parti. La prima è il romanzo della sua vita. La scuola e un fisico troppo debole, le prime pagine riempite di lettere e caricate di speranze, i fallimenti, i primi successi.
L’autore non nasconde neppure i suoi trascorsi di ex alcolista e di quasi tossico dipendente, mostra il lato oscuro della sua anima, le sue paure e lo shock arrivato con Carrie, il primo suo caso letterario.
King affronta e reiventa il genere Horror, ci mette a parte dei suoi segreti e di alcuni aneddoti degni di nota.
Il libro è sicuramente da consigliare a tutti coloro che pensano o che sono sicuri di avere la Luccicanza, quella particolare dote che li porta a raccontare le storie che le persone amano leggere.

On Writing è un viaggio che avvicina autore e lettore, spiega un mondo e arricchisce di nuove sfumature le storie che abbiamo letto e che leggeremo. Stephen King ci regala nuovi codici per comprendere, capire e apprezzare anche quello che c’è tra una pagina e l’altra, per riuscire a leggere la storia dietro le storie, la sua vita attraverso la sua opera.

Francesco Cascione

di Francesco Tomasinelli

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film