In Corsica l'estate non finisce mai: parti alla scoperta dell'ile de beautè - Magazine

Viaggi Magazine Lunedì 5 agosto 2019

In Corsica l'estate non finisce mai: parti alla scoperta dell'ile de beautè

Filitosa

Contenuto in collaborazione con Elvy Tours by Innovenia

Magazine - Durante l’estate la Corsica, grazie al suo clima Mediterraneo, è calda e soleggiata, soprattutto lungo la costa. Le temperature sono piacevoli, anche quando il sole è alto per via della brezza che, con il suo soffio gentile, tempera l’umidità. La vera sorpresa è però l’autunno: mite e piacevolmente caldo, con le perturbazioni che diventano più frequenti non prima di ottobre. Allora perché non approfittarne per concedersi una bella vacanza, proprio quando la maggior parte dei turisti è rientrata in città? Le possibilità sono tante e tutte ormai lontane dalla folla dei vacanzieri tradizionali.

Per esempio, si possono scegliere le due ruote per esplorare questa sorprendente isola e per non perdersi neanche un dettaglio dei suoi tanti paesaggi mozzafiato. Ideale per chi ama la bicicletta il circuito ad anello di 150 chilometri che comincia e termina a Bastia. Percorribile in quattro giorni, è perfetto per unire attività fisica e meritato relax. Da non escludere una bella gita alla scoperta della storia più antica dell’isola. Dalla Preistoria alla romanità, sono tanti i siti archeologici testimoni di questo passato. Come Aleria, antico porto dei Romani che sotto l’imperatore Augusto divenne la prima vera città dell’isola.

Grazie agli scavi, oggi è possibile ammirare le fondamenta del Tempio di Roma e Augusto, circondati da una natura selvaggia e rigogliosa. Tra le colline boscose a nord di Propriano, invece, sorge uno dei siti megalitici più grandi d’Europa. Celebri sono le grandi pietre verticali erette nel IV millennio a.C. e scolpite verso il 1200 a.C. con fattezze umane. Nei pressi di Sartène, infine, vi consigliamo uno dei luoghi più pittoreschi dell’isola, dove, sull’Altopiano di Cauria, vi attende l’Allineamento di Stantari con menhir e statuette realizzati tra la fine del Neolitico e l’Età del Bronzo.

Per finire in bellezza, come non pensare alle spiagge della Corsica, tra le più belle del Mediterraneo e ancora estremamente accoglienti anche a settembre? Alcune di queste si trovano nel sud dell’isola, tra Porto Vecchio e Bonifacio. Dalla selvaggia Carataghju (detta Tahiti Beach) alla celebre Palombaggia, passando dalla caraibica Santa Giulia e alla baia di Rondinara. Consigliatissime anche la spiaggia di Canetto, raggiungibile soltanto a piedi o con un fuoristrada, e quella di Piantarella, che forma con alcune isolette disabitate una sorta di laguna turchese poco profonda dove divertirsi in kayak.

Da Piantarella si può arrivare a piedi all’isola Piana lungo una paradisiaca lingua di sabbia che affiora con la bassa marea, o percorrendo il sentiero che rasenta i resti di una villa romana fino alla caletta di Petit Sperone, un gioiello di acqua lucente e sabbia morbida. Solitamente frequentatissimo, in questa stagione saprà farsi ammirare al meglio della sua forma regalandovi uno spettacolo da cartolina.

 Per ulteriori info, visitare il sito web di Elvy Tours.

Potrebbe interessarti anche: , E tu di che Capodanno sei? Wadi rum, Londra, Andalusia oppure Abu Dhabi? , Vienna: cosa vedere in tre giorni, tra musei, palazzi e tour del vino , Tour in Costiera Amalfitana: una vacanza in barca da sogno , Capodanno in Giordania: il 31 dicembre brinda sotto le stelle del Wadi Rum , Tradizioni giapponesi: rilassarsi negli onsen e dormire in un ryokan