Magazine Martedì 9 settembre 2003

Tutto finisce in una piastrella

Magazine - Un Gerry Scotti sempre più a suo agio nel ruolo di divulgatore culturale ha presentato sabato la premiazione della IX edizione del premio Alassio Centolibri – un autore per l’Europa e la V dedicata all’Editore per l’Europa.

Dopo gli auguri del sindaco e la domanda di rito all’assessore sui progressi della politica culturale a Alassio, Scotti ha annunciato una nuova iniziativa: uno spazio sul celebre muretto riservato ai vincitori dei premi Alassio, a cominciare da questa edizione. L’assessore alla cultura Monica Zioni, invece, aveva elencato alcune novità importanti: l’apertura della pinacoteca dedicata a Carlo Levi e la ristrutturazione della Memorial gallery in viale Hanbury, che oggi ospita i dipinti del grande paesaggista Richard West e la English library, una biblioteca con migliaia di volumi in lingua, seconda in Italia soltanto a quella di Firenze. E ha concluso con un accorato ricordo di Giuseppe Pontiggia, che faceva parte della giuria per la scelta dell’editore ed era ospite della cittadina a ogni premiazione.

Il riconoscimento per l’editore è stato assegnato a Il Saggiatore, per il ruolo fondamentale che la casa editrice ha avuto negli anni ’60 e ’70 nella scoperta e valorizzazione di importanti autori stranieri, per la ricchezza del catalogo e per lo sforzo attuale di mantenere viva l’eredità del passato. A ritirare il premio è stato Luca Formenton, presidente del gruppo Il saggiatore, un uomo che l’editoria ce l’ha nel sangue: nipote di Arnoldo Mondadori e figlio dell’amministratore delegato della famosa casa editrice. Formenton ha illustrato i programmi della casa editrice e ha risposto a qualche domanda di Giuliano Vigini, presidente della giuria: «Oggi credo che sia necessario fare attenzione al mercato –ha dichiarato Formenton- perché anche un editore di saggistica è costretto a farlo, ma sempre rimanendo all’interno di una prospettiva di cultura».

Simonetta Agnello Hornby è stata premiata per La mennulara, romanzo che ha incantato i docenti universitari stranieri che costituiscono la giuria del premio, al punto che la vittoria -dalla Finlandia alla Spagna, dall’Austria all’Inghilterra- è stata praticamente un plebiscito. Agnello ha ottenuto 65 voti, la seconda classificata 33. Dopo la lettura di un lungo stralcio del libro, pagine particolarmente coinvolgenti, da parte di Lia Tanzi e Giuseppe Pambieri, Simonetta Agnello Hornby ha risposto a qualche domanda sulla sua opera prima, e ha dichiarato di avere scritto il libro, un po’ perché ce l’aveva dentro, un po’, forse, perché i figli conoscessero la Sicilia dei suoi ricordi. La figura della protagonista, una serva padrona che per tutta la vita gestisce esistenze e finanze dei suoi datori di lavoro e pretende di farlo anche da morta, invece, non è ispirata a nessun personaggio incontrato nel suo passato siciliano –la Hornby vive in Inghilterra da 30 anni e il libro inizia proprio l’anno della sua partenza per l’altra isola- ma come ha dichiarato sabato: «Personaggi come la mennulara non ne ho conosciuto in Sicilia, ma di mennulari e mennulare ce ne sono tanti nel mondo e mi dispiacerebbe se dicessero che è un personaggio che poteva nascere soltanto in Sicilia». Alla domanda, infine, se stia scrivendo un nuovo romanzo, o ne abbia uno pronto o se sia un po’ spaventata da questo successo, l’autrice ha risposto: «Vorrei avere il romanzo nel cassetto, ma non è così. Sto scrivendo e non mi chiedo se piacerà o no. Non dimentico mai la mia esperienza di avvocato: si vincono cause, altre si perdono… Penso di affrontare così anche i giudizi letterari».

La cerimonia si è conclusa con la firma delle piastrelle per il muretto.

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film