Weekend Magazine Venerdì 5 settembre 2003

La Via dei Tubi

Magazine - Forse è questa una delle escursioni più entusiasmanti nel circondario di Genova: un sentiero davvero spettacolare, nel Parco Regionale di Portofino, grazie al quale i visitatori ripercorrono l’antico tracciato dell’acquedotto, risalente alla fine dell’ottocento.
L’acqua per gli abitanti di Camogli veniva prelevata sopra San Fruttuoso e portata a valle in una condotta di cemento che fa lo slalom tra la macchia mediterranea e le grandi rocce di conglomerato, entra in anguste gallerie bucando le creste delle montagne e passa vicino ai bunker tedeschi di 60 anni fa.
E’ un sentiero che richiede una buona forma fisica ed un certo impegno, oltre a calzoni lunghi ed una torcia elettrica affidabile. Non ci sono grandi dislivelli ma è meglio non soffrire di vertigini, ne di claustrofobia. Un parte del tracciato prevede infatti tratti a strapiombo (con catene a cui aggrapparsi) e l’attraversamento degli stretti tunnel dell’acquedotto.

Il punto di partenza è Pietre Strette, raggiungibile da Portofino Vetta, presso l’Albergo Kulm. Nel bosco seguite per , lungo un itinerario ben segnalato. Dopo una ventina di minuti, quando la vegetazione comincia a diradarsi per fare spazio alla macchia, prendete la deviazioni sulla destra, ben visibile, che taglia in costa la montagna, puntando verso Camogli. Dopo qualche passo comincerete a vedere il tubo, un cilindro di cemento largo una trentina di centimetri interrato nel suolo. In alcuni punti è danneggiato ma dentro scorre ancora l’acqua. Sulla sinistra il panorama regala magnifici scorci sulla macchia mediterranea e sulla baia sottostante con l’Abbazia.

Dopo mezz’oretta trovate la prima galleria. Non spaventatevi ed entrate, è lunga circa duecento metri (stima poco affidabile…) ma le curve impediscono di vedere l’uscita.
All’interno non è raro trovare rospi, girini e pipistrelli in cerca di un luogo umido e riparato. Non puntate torce potenti contro questi ultimi per evitare di disturbarli e farli volare via subito (se accadesse, sappiate che NON si impigliano nei vostri capelli!).
Poco più avanti altre due gallerie (più brevi) ed una scala a pioli in metallo vi attendono per portarvi nella parte più selvaggia e stupefacente del Parco, sopra la tutelatissima Cala dell’Oro. A volte il sentiero sembra scomparire tra le vegetazione, ma poi il tubo ricompare, puntando perso Est. In un ora e mezza sarete in prossimità del . Adesso non vi resta che scendere verso .
A dire il vero sulla carta è segnalata una deviazione che riporta verso Pietre Strette, ma non sono riuscito a individuarla. Così ho percorso il sentiero fino a San Rocco di Camogli per poi risalire su asfalto fino a Portofino Vetta. In totale è meglio aspettarsi 4-5 ore di cammino e un dislivello in salita modesto, attorno ai 250 metri (la risalita a Portofino Vetta).

Capisco che il percorso tortuoso, difficile da seguire con precipizi, cunicoli e pipistrelli possa tenere alla larga molti gitanti. Il metodo migliore per sperimentarne almeno una parte è contattare l’Ente Parco (Viale Rainusso 1, Santa Margherita Ligure, tel. 0185 289479 fax 0185 285706 - apertura in orario d'ufficio) per il calendario delle escursioni previste con guida al seguito (prenotate almeno 3 giorni prima).
Se siete un certo numero, almeno 5-6, potete anche richiedere il supporto di una guida per organizzare il vostro tour privato.

Sopra: la traversata del primo tunnel.
Sotto: vista sulla baia di Cala dell'Oro dal sentiero, guardando verso Levante.

Oggi al cinema

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film