Concerti Magazine Venerdì 29 agosto 2003

Jazz sotto le stelle a Portofino

Magazine - Immaginatevi una notte di fine estate a Portofino. Recatevi nell’appartata piazzetta che conclude i moli del porto e dalla quale, al tramonto, si godono le case del borgo colorate dagli ultimi riflessi del sole.
Pensate ora che al vostro arrivo vi aspettino Kat Alson e Dado Moroni: lui con il suo pianoforte, lei con la sua voce. Per dare vita a un recital delle più belle musiche per pianoforte del repertorio jazzistico classico e dei più coinvolgenti spirituals e di altri brani ancorati alla tradizione afro-americana.

Così, venerdì 29 agosto ore 21.15, alla Calata Ciappella di Portofino, prende il via la nuova edizione della Rassegna Portofino ai confini del Jazz, voluta dall’Amministrazione Comunale, organizzata dal Circolo Amici di S. Margherita Ligure e del Tigullio, orchestrata con intelligenza e passione da Gianpaolo Casati.
I successi che hanno preceduto quest’edizione sono di buon auspicio e hanno consentito di formulare un articolato e vario programma di quattro concerti ravvicinati:

Venerdì 29 agosto, ore 21,15: il Duo Kat Alston-Dado Moroni
Sabato 30 agosto, ore 21.15: la Bansigu Big-Band diretta da Piero Leveratto.
Venerdì 5 settembre, ore 21,15: il Casati Quartet feat. George Robert
Sabato 6 settembre, ore 21.15: il Barbara Casini Quartet

Il Casati Quartet riunisce jazzisti di grande spessore come Battista Lena alla chitarra, Marcello Di Leonardo alla batteria, Aldo Zunino al contrabbasso. Al quartetto si unisce, come “guest star” il sassofono di Gorge Robert mentre Giampaolo Casati suona tromba e cornetta, e dirige il complesso. Genovese, quarant'anni, Casati ha collaborato con musicisti come Tullio Piscopo e Riccardo Zegna, fa parte della Grande Orchestra Nazionale di Jazz diretta da Giorgio Gaslini e della Big Band di Mario Rava.
George Robert già a 10 anni partecipa a “jam sessions” famigliari con Clark Terry, Jmmy Wood e Sam Woodyard. Non c’è grande jazzista con il quale Gorge Robert non abbia suonato e collaborato: Robert è il primo musicista svizzero che sfonda sulla scena americana e che il critico Leonard Feather include nell’Enciclopedia del Jazz.

Una voce intensa e limpida (che richiama quella di Elis Regina), estremamente duttile, capace del colore delle diverse sonorità fonetiche e dei generi musicali, jazz o bossa nova (così che può passare tranquillamente dalle tonalità del jazz-blues a quelle del som brasilero), una grande presenza scenica e una naturale capacità di coinvolgere il pubblico in ogni evento: così appare, fin da subito, Barbara Casini, fiorentina del 1954, una delle più interessanti scoperte del jazz italiano degli ultimi anni.
All’inizio degli anni ’80 forma il Trio Outro Lado con Beppe Fornaroli alla chitarra, e Naco alle percussioni, ottenendo riconoscimenti da musicisti come Milton Nascimento e Chico Buarque de Hollanda. Nel 1994 forma un quartetto con Stefano Bollani al pianoforte, Lello Pareti (contrabbasso) e Francesco Petreni (batteria). Oggi il Barbara Casini Quartet riunisce, oltre a Pareti e Petreni, Sandro Gibellini alla chitarra.

Il concerto conclude la Rassegna di Portofino con una vera e propria festa musicale: un finale con il “botto”!


L’accesso ai concerti è libero.
Per informazioni: 0185 286588

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film