Attualità Magazine Giovedì 16 maggio 2019

Viaggio negli USA? Meglio stipulare una polizza sanitaria!

Magazine - Un viaggio negli USA è il sogno di tantissime persone ma… in caso di imprevisti e di guai di salute, può trasformarsi in un vero e proprio incubo. D’altronde, è ben noto quanto sia cara la prestazione sanitaria negli Stati Uniti se non si è sufficientemente coperti da una compagnia assicurativa che possa garantire per noi. Dunque, se state pensando di partire per gli Stati Uniti, non possiamo che consigliarvi di dare uno sguardo alle varie proposte sul mercato, andando a scegliere la migliore assicurazione sanitaria USA che possa soddisfare ogni vostra esigenza di tutela! Ma come scegliere la migliore polizza assicurativa sanitaria per gli USA? A quali elementi determinanti dovreste prestare particolare attenzione?

A nostro giudizio, è innanzitutto fondamentale che la polizza salute USA che avete scelto, possa garantire un’assistenza completa, 24 ore su 24, dal momento in cui scendete sul territorio statunitense fino al momento in cui lo abbandonate. È inoltre necessario che la polizza preveda il pagamento diretto delle spese mediche, ospedaliere e chirurgiche, e che possa darvi una consulenza medica telefonica in italiano. Anche se avete una discreta conoscenza della lingua inglese, vi consigliamo comunque di verificare con la vostra compagnia assicurativa la disponibilità di un’assistenza in italiano, considerato che molti termini medici sono tecnici, e che dunque potrebbe essere difficile tradurli.

Tra le altre prestazioni che riteniamo molto importanti all’interno di una polizza sanitaria per gli Stati Uniti, rileviamo anche la disponibilità di una traduzione della cartella clinica e di un interprete che sia a propria disposizione telefonicamente, potendosi così eventualmente interfacciare anche lo staff sanitario, e – evidentemente – il possibile rientro sanitario in Italia in caso di necessità. Tra le ulteriori opzioni contrattuali che potrebbe essere utile ricomprendere in polizza, segnaliamo la disponibilità di un’assistenza e di spese mediche valide anche nelle ipotesi di atti terroristici, e la disponibilità aggiuntiva di un massimale illimitato, che possa evitare qualsiasi tipo di problema nella gestione delle coperture sanitarie durante il vostro viaggio in USA. Tenete altresì in considerazione che generalmente queste polizze sono sufficientemente flessibili da poter essere personalizzate con altre coperture ancora più specifiche, generalmente non standard, ma comunque integrabili all’interno della polizza su esplicita richiesta.

Tra le varie, l’indennizzo del furto del bagaglio, l’indennizzo per il ritardo aereo, il rimborso spese in caso di prolungamento del soggiorno, la protezione per il proprio smartphone, per il tablet e per le fotocamere. Insomma, se un viaggio negli Stati Uniti è un’esperienza indimenticabile, da fare almeno una volta nella propria vita, se non altro per potersi immergere in un territorio di grandissimo impatto emotivo, è fondamentale cercare di fare i conti prima della partenza di un elemento che non dovrebbe sfuggirvi in fare preparatoria: il sistema sanitario negli USA è molto diverso da quello italiano, considerato che si basa su un sistema assicurativo… a base di polizze che dovresti stipulare prima di staccare il biglietto verso la tua meta preferita a stelle e strisce, onde evitare qualsiasi tipo di pregiudizio!

Potrebbe interessarti anche: , Sigaretta elettronica: vantaggi (molti) e svantaggi (da non sottovalutare) , Dove acquistare un regalo di saluto al prete che lascia la parrocchia , Un manifesto per Genova: contest di comunicazione creativa , Sogni gli Stati Uniti? Ecco come organizzare il viaggio , Isola d'Elba: come arrivare e cosa vedere nella perla del Mediterraneo