Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi - Magazine

Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi

Incontri Magazine Mercoledì 26 settembre 2018

Marco Buticchi

Magazine - Egitto, 1798. Claude de Duras, giovane ma esperto archeologo giunto in Egitto al seguito dell’esercito napoleonico, si dedica per mesi allo studio dei misteri e della cultura della terra dei faraoni. La spedizione francese avanza senza ostacoli fino alla sanguinosa disfatta della flotta francese a Abu Qir. A quel punto, messo in difficoltà dal successo di Nelson per rifornimenti e finanziamenti dalla lontana patria , il diplomatico e segretario personale di Bonaparte, Louis Antoine de Fauvelet de Bourrienne, stringe un accordo con Robert Goldmeiner, giovane rappresentante di una ricca dinastia di antiche origini. Goldmeiner offre il suo aiuto con un lauto prestito che potrebbe riempire le casse vuote della rivoluzione e risollevare le sorti della spedizione egiziana, ma pretende solide garanzie. E sarà qui che per rimunerare il suo aiuto, Bourrienne prometterà a Goldmeiner l’esclusività delle ricchezze rinvenute dal de Duras durante gli scavi. Certo, nessuno di loro poteva immaginare la grandezza e il valore dell’ eccezionale scoperta fatta dall’archeologo francese e neppure quelle che saranno ohimé le sue ferali conseguenze. Da quel momento infatti una scia di morte perseguiterà inesorabilmente chiunque ne avrà notizia.

Canada, giorni nostri. Mentre Oswald Breil, personaggio cult di Marco Buticchi si appresta a far gettare l’ancora del suo Williamsburg nel porto di Vancouver, riceve una triste notizia. Lilith Habar, la sua madre adottiva, è gravemente malata; Lui e sua moglie Sara Terracini prendono un aereo per raggiungere immediatamente Tel Aviv dove Lilith, ormai in punto di morte, confida a Breil la misteriosa verità sulla morte dei suoi genitori quando lui era un bambino. Morte che sembrerebbe connessa alle segrete macchinazioni di una setta governata da una potentissima famiglia le cui radici risalgono sino alla remotissima era dell’ultimo re dei Khazari.

Una avvincente avventura che attraversa i secoli, immersa nella storia remota e recente, indissolubilmente legata all’oscuro fascino dell’antico Egitto. Una trama che fa tesoro della millenaria leggenda del Faraone Nero Shebitquo che aleggia sui deserti egiziani con la forza di una tempesta di sabbia, e del suo segreto che sopravviverà inviolato nell’incedere dei millenni, alle guerre napoleoniche, dalla guerra d’indipendenza americana alle atrocità naziste del secondo conflitto mondiale. A unire epoche così distanti è un unico filo rosso, il rosso del sangue di una stirpe di spietati affaristi e cospiratori, i banchieri Goldmeiner che, in nome della ricchezza e del potere sono disposti a tutto. Il segreto del faraone nero (2018 Longanesi; 546 pp; 22 euro) è una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi, il maestro dell’avventura italiano, l’inventore dei sogni. 

Potrebbe interessarti anche: , La cultura non si ferma: archivi e biblioteche si raccontano. Da Roma a Bologna e Firenze , A casa per il Coronavirus? I libri perfetti da leggere, tra epidemie, isolamento e attese

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!