Weekend Magazine Mercoledì 20 dicembre 2000

Itinerario di trekking a cavallo

Magazine - Una terra tra mare e monti: questo è il territorio della Comunità Montana del Giovo.
Li si trova la Foresta Demaniale della Deiva, un'area poco esplorata.
E' il luogo che preferisco per il trekking a cavallo.
Ricca di formazioni boschive d'alto fusto, faggete, castagni e querce, come di rare specie protette di flora quali il campanellino, il dente di cane, la primula e di fauna selvatica.
Infatti non è raro incontrare all'interno della Foresta della Deiva famiglie di caprioli e cinghiali.
E' un trekking di una giornata adatto a cavalieri esperti.
Si parte dalla Planet Horse e si prosegue verso il Forte Lodrino Superiore prendendo un sentiero ad est piuttosto impegnativo nel bosco con dislivelli e cambi di pendenze.
Poi si giunge al raccordo con l'anello della Foresta della Deiva che conduce, restando sul versante est in costa, al Castello Bellavista piccola costruzione eretta su un poggio panoramico.
Qui si può fare una sosta per abbeverare i cavalli e per riposarci un po' all'ombra delle querce secolari.
Si riprende il cammino percorrendo l'anello sul versante ovest meno panoramico ma non meno interessante dal punto di vista ambientale.
Qui si incontra un sentiero che prosegue verso il torrente Erro e il Lago dei Gulli, ma questo ve lo racconto la prossima volta.
Continuando quindi sull'anello si arriva nuovamente nel punto di raccordo con il sentiero che ci riporterà al Giovo, al Rifugio e alle scuderie della Planet Horse dove ci aspetta una bella grigliata con gli amici e perché no? danze occitane intorno al fuoco.
L'atmosfera che si sente attraversando il sentiero è quella di un esploratore che per la prima volta ascolta i suoni e i rumori di una natura a lui sconosciuta.
Curiosità e fantasia (non mi stupirei di incontrare gnomi e folletti nella foresta!) assalgono la mente, mentre le orecchie odono suoni misteriosi e sinistri fruscii...

Oggi al cinema

Santiago, Italia Di Nanni Moretti Documentario 2018 Il cinema di Nanni Moretti procura sempre un trasalimento, legato alla presenza ricorrente dell'autore nella sua opera. Che il film si richiami oppure no alla sua esperienza personale, lo spettatore oscilla tra finzione del personaggio e intimità... Guarda la scheda del film