Concerti Magazine Venerdì 11 luglio 2003

Finalmente Skin



Tralasciando gli snobismi tecnici, la loro esibizione è proprio bella, fatta di docce di sudore (Cristiano asperge le prime file come un prete durante la messa di Natale) e vene in evidenza. Dan Solo e Riccardo Tesio sono ottimi comprimari, ma è sempre lui, Godano, a conquistare l’attenzione, soffrendo letteralmente durante A fior di pelle, Nuotando nell’aria, L’odio migliore, Festa mesta e Ineluttabile. Sonica, la migliore, nasce dallo stomaco ed esplode roboante. Otto pieno.

Cammeo di Skin in La canzone che scrivo per te: i Marlene, durante quei tre minuti, scompaiono e il pubblico è solo per lei: vedo scene d’isteria, qualcuno piange.
Prima che la sua esibizione inizi, passa un mare di tempo, la gente è davvero stanca ed impaziente. Solo dopo bordate di fischi, la band prende posto.
E poi arriva lei, entusiasta ancor prima di cominciare. Parte sparata con un paio dei brani del cd solista e poi delizia le migliaia di presenti con Secretly. L’Arena vibra del boato in falsetto della marea umana. Lei se ne compiace e, per controparte, si regala senza remore, correndo da un lato all’altro del palco, scendendo tra le braccia del pubblico, dispensando carezze, strette di mano, ampissimi sorrisi. You follow me down, Trashed, Faithfulness, Charlie Big Potato, Don’t let me down, Lately, Listen to yourself … ogni pezzo è un delirio. Non sono in molti a conoscere i nuovi brani, ma la carica di questa bellissima pantera è indiscutibile, vertiginosa, irriverente, instancabile. Dieci e lode.
Ci voleva proprio, per risollevare le sorti di un festival dalla partenza stentata.

Teardrop

.
Le immagini sono di Egidio Nicora, www.photoshop.it

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Smetto quando voglio Di Sydney Sibilia Commedia Italia, 2014 Pietro Zinni ha trentasette anni, fa il ricercatore ed è un genio. Ma questo non è sufficiente. Arrivano i tagli all'università e viene licenziato. Cosa può fare per sopravvivere un nerd che nella vita ha sempre e solo studiato?... Guarda la scheda del film