Magazine Martedì 22 maggio 2018

«Si può pensare solo allo studio?», il difficile equilibrio tra dovere e piacere

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Buongiorno, 

Sono una ragazza di  28 anni. Sto finendo il mio percorso di studi in Medicina e chirurgia... finalmente: svariati problemi in famiglia e delle disavventure con alcuni esami hanno prolungato, più del previsto, i tempi.

Il mio problema è che non riesco a dire ai miei quando programmo una vacanza con il mio fidanzato, anche solo un week-end, cosa che  capita di rado, perché io e lui siamo molto impegnati. Così mi riduco a farlo sapere loro sempre e solo il giorno prima, cosa che mi mette a disagio. Ma so che mia madre farà quella faccia contrariata che vuole dire mille cose: perdi tempo, invece di studiaresiete solo tu e lui; pensa al dovere. Come se lo svago non fosse ammesso o non fosse giusto. D'altronde è così che sono stata educata. La situazione è imbarazzante, perché io vivo con i miei.

La ringrazio!

Cordiali saluti

Buongiorno Ragazza di 28 anni,

capisco che vivendo ancora con i genitori sia inevitabile dover trovare una mediazione tra le esigenze di due generazioni che, pur essendo vicine, appartengono a due millenni diversi per cultura e modi di pensare. Una mediazione resa difficile proprio perche ci si trova di fronte a vecchie regole, tradizioni e abitudini, spesso profondamente incompatibili con i nuovi stili di vita e ai nuovi leciti bisogni di autonomia.

Così mi chiedevo se le preoccupazioni di sua madre fossero davvero relative al tempo sottratto allo studio o se questo non fosse altro che un pretesto per nascondere la sua vera preoccupazione, ovvero che lei e il suo fidanzato passiate del tempo insieme. Non solo di giorno ma anche di notte. Se così fosse l'imbarazzo, se pure mascherato, sarebbe da entrambe le parti. Anche se, nel 2018, a 28 anni, certi imbarazzi dovrebbero essere superati.

Ma tornando alla sua educazione, va ricordato che i modelli educativi servono per aiutare le persone ad esprimersi e a  inserirsi, nel migliore dei modi, nella societá in cui si è destinati a vivere. Dunque il comportamento educato non solo cambia da paese a paese, ma anche da un'epoca all'altra, essendo le società e le loro regole, in costante evoluzione. Cosi una buona educazione di metà 900 non è detto che sia altrettanto buona o giusta o funzionale, nel 2018.

In effetti non sempre tutto cambia e nonostante il trascorrere del tempo, possiamo considerare ancora valido il suggerimento: prima il dovere e poi il piacere. Ma, a questo proposito, bisogna ricordare che  anche secondo le antiche indicazioni, questa alternanza tra il dovere e il piacere, va declinata su base settimanale. E quindi: buon weekend.

Dott. Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mental Coach
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

Johnny English colpisce ancora Di David Kerr Azione 2018 Alla vigilia di un importante summit internazionale, un attacco informatico rivela l'identità di tutti gli agenti segreti britannici sotto copertura. L'unico rimasto sul campo è in pensione, non ha idea di cosa sia un'App, e si chiama "English,... Guarda la scheda del film