Magazine Giovedì 3 luglio 2003

Disperata

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Ho 15 anni da meno di un mese. Sono piccola, lo so, ho ancora tanto da vivere, ho ancora cose di cui essere felice ma...
Ho avuto parecchi problemi in famiglia e dopo tanto sono riuscita ad essere felice.
Ho incontrato Francesco forse la prima persona che mi abbia apprezzato veramente.
Sono stati 7 mesi belli, intensi.
Lui è stato la mia prima storia vera.
Io lo amo tantissimo... 2 settimane fa mi ha mollato perché non prova più quello che provava per me.
Mi è crollato tutto.
Ho passato una settimana infernale.
Ora ci facciamo delle storie.
Stamattina sono andata da lui... tutto è stato bello come sempre.
Abbiamo fatto la doccia insieme e abbiamo fatto l'amore.
Io ho paura di rimanere di nuovo da sola.
Non voglio più pensare, più soffrire, più sognare.
Come faccio a dimenticare tutto?
Come si fa a convivere con i ricordi?
Succede a tutti ma non c'è nessuno che mi sappia dare una risposta.
Ho dato tutta me stessa ma non è bastato.

Disperata


Cara Disperata,
magari stai già meglio, magari sei in vacanza, magari hai incontrato qualcuno o hai voglia di incontrarlo... a quindici anni le cose vanno veloci. Non pensare però che non ti abbia presa sul serio. Dolori come questi sono devastanti a tutte le età, ma alla tua di più. Forse perché non si sa bene come affrontarli, forse perché sono i primi lutti. Convivere con i ricordi è l’ultimo dei problemi, vedrai che con il tempo –al contrario- finirai per affezionarti allo zainetto di brutte esperienze –ma quanto formative!- che tutti portiamo con noi per tutta la vita. È un fatto di maturità e nessuno può insegnarti come si fa a crescere, le esperienze degli altri non servono, bisogna vivere. Ecco l’unico consiglio veramente valido e, forse, applicabile: impara ad apprezzare te stessa per prima, senza bisogno che il consenso venga dall’esterno. Così imparerai, anche quanto puoi dare di te stessa, senza farti troppo male.
Non è un discorso di contabilità dei sentimenti, con le colonnine del dare e dell’avere, ci si può abbandonare completamente soltanto quando ci si conosce bene, quando la sicurezza è già in noi, non nell’uomo che amiamo.
Ciao, buon lavoro su te stessa

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film