Magazine Martedì 15 maggio 2018

Fidanzato geloso e ossessivo: «Cosa devo fare? Così rischia di perdermi»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve,

sono una ragazza di 22 anni, con una vita molto semplice. Sono fidanzata da 3 anni e mezzo con un ragazzo e da un po' mi sento oppressa da lui. Gli dà fastidio se non gli racconto ogni mio singolo spostamento.

È un bravissimo ragazzo, lo amo, ma non lo tollero più. Mi può aiutare a fargli capire che se continua così mi perde.

Grazie mille

Buongiorno ragazza semplice,

quello della gelosia è un argomento molto delicato perche ha davvero molte sfumature a partire da quelle solo fastidiose sino a forme connotate da una forte e pericolosa aggressività. Inoltre questa repentina evoluzione degli stili di vita, delle relazioni sociali e degli equilibri di coppia, ha fatto si che, alcuni comportamenti del partner, che sino a poco tempo fa  potevano essere sospetti, ora sono del tutto normali e innoqui. Ma tant'è.

Di base la gelosia è un sentimento (stato emotivo) che si fonda sulla paura. Più precisamente, sulla paura di perdere la persona amata. Paura che è alimentata dalla sensazione di essere impotenti nel controllare le azioni e a volte anche le intenzioni e i pensieri  del partner, come nel vostro caso.

In realtà vi sono diverse dinamiche della gelosia. Quasi tutte volte a superare il dolore di fronte al solo pensiero della perdita dell'amato.

La più classica forma di gelosia è agita attraverso un controllo, spesso eccessivo, della persona. A volte motivata non solo per cause attuali, ma anche  a causa di vecchie esperienze, spesso vissute in altri contesti e con altre persone. In questo caso si sospetta, ingiustamente, del partner per paura che si ripetano abbandoni sofferti in passato. 

Poi c'e' un altro tipo di gelosia, che si manifesta con una marcata avversione verso gli altri, che potrebbero essere  la causa della perdita o sono sospettati di  insidiare il partner. Infine vi è una gelosia proiettiva, che attribuisce al proprio partner idee o azioni che, invece,  sono messe in atto, progettate o pensate, proprio da chi, con la coscienza sporca si dimostra geloso.

In ultimo ci sono persone che controllano il partner non perche sono gelose ma perche, in questo modo possono essere sicuri di avere il tempo e lo spazio per potersi muovere liberamente senza correre il pericolo di essere scoperti.

Come vede  vi sono molti modi di essere gelosi ed ognuno puo essere espresso in maniera soffusa o diventare un vero e proprio comportamento ossessivo. In ogni caso la gelosia e il controllo del partner,  è sempre un segno di insicurezza , di paura, di sospetto e di sfiducia. Tutti sentimenti che sono il contrario delle basi di complicità e di reciproca stima che dovrebbero caratterizzare una relazione felice e destinata a durare nel tempo.

Purtroppo, di fronte al sospetto e alla sfiducia, non esistono bravi ragazzi/e e non sopravvive nessun tipo di amore, degno di questo nome.

Cosa fare? Parlatene. E riparlatene. E parlatene ancora, sino a che la reciproca fiducia arriva e fa scomparire la  gelosia. Altrimenti temo che a scomparire sarà la vostra relazione.

Auguri

Dott.Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film