Attualità Magazine Martedì 10 aprile 2018

«Mio figlio dice di essere omosessuale»: i dubbi di una mamma

Magazine - Gentile dottore,

sono la mamma di un ragazzo diciottenne che, a novembre scorso, ci ha rivelato di essere omosessuale e che da circa un mese stava uscendo con un suo coetaneo, senza avere nessun rapporto sessuale.

Da allora  la nostra vita non è più la stessa, lui adesso non sta più frequentando questo ragazzo e dice che sta riflettendo e che non sente di darsi un'identità. Cosa ne pensa, può  essere stato un momento di confusione o lo sta dicendo per farci contenti?

La ringrazio. 

Buongiorno,

dopo aver ricevuto molte mail di persone che avevano paura di essere gay,  mi stavo giusto chiedendo quando avrebbero incominciato a scrivermi i genitori che si trovano di fronte alle incertezze o alle scelte sugli orientamenti sessuali dei propri figli.

E se da un lato è un bel segno che i figli si sentano liberi e protetti nel parlare con i genitori delle proprie evoluzioni in campo sessuale e sentimentale, è altrettanto imbarazzante scoprire che non tutti i genitori si sentano sicuri e preparati ad affrontare gli argomenti che riguardano le scelte sessuali e sentimentali dei propri figli. E dunque, più che dei problemi dei figli, dovremmo parlare della preparazione al ruolo genitoriale di fronte alla sessualità dei figli.

Lei infatti scrive: Da allora  la nostra vita non è più la stessa, che è una affermazione un po' generica, ma che dà l'impressione che voi siate molto preoccupati. Come se viveste con la paura che vostro figlio potesse essere in pericolo o stesse facendo qualcosa di pericoloso. Tanto che,  quando aggiunge: può  essere stato un momento di confusione o lo sta dicendo per farci contenti?  Viene il sospetto che debba essere il figlio a dover rassicurare i propri genitori, mentre invece dovrebbe essere più naturale che fossero i genitori a rassicurare i figli.

Ed è proprio di rassicurazione che avete bisogno tutti: ne ha bisogno suo figlio che è sicuramente confuso rispetto alla dinamica dei suoi sentimenti e ne avete bisogno voi genitori. Innanzitutto perché in tutto ciò non vi è nulla di pericoloso.

Anzi, avere e vivere, in adolescenza, un periodo di esplorazione, di sperimentazione e di ambivalenza rispetto alla propria sessualità è così frequente da considerarsi normale. In secondo luogo, essere o avere esperienze o tendenze omosessuali non dovrebbe far paura a nessuno. Anche se, gestire i propri sentimenti e le proprie attrazioni ha sempre creato turbamenti a tutte le età. Quindi, invece che: far finta di niente e visto che vostro figlio vi ha riconosciuto come dei punti di riferimento, inviterei tutti voi a parlarvi di più e serenamente, per aiutarvi reciprocamente a capire quali sono le vostre perplessità, senza alcun conflitto, e con lo scopo di rispettarvi l'un l'altro, per uscirne ancora più rafforzati come una famiglia davvero unita.

Saluti

Dott.Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo
Genova

Potrebbe interessarti anche: , Risparmiare sulla polizza: il ruolo dei comparatori online , I primi piatti della cucina romana da provare quando siete in vacanza , Italiani over 60: quali sono gli sport più amati? , Unicusano, un ritmo tutto nuovo , «Mia figlia guarda video e foto di donne lesbiche su Instagram, cosa le sta succedendo?»