Magazine Martedì 10 aprile 2018

«Mio figlio dice di essere omosessuale»: i dubbi di una mamma

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Gentile dottore,

sono la mamma di un ragazzo diciottenne che, a novembre scorso, ci ha rivelato di essere omosessuale e che da circa un mese stava uscendo con un suo coetaneo, senza avere nessun rapporto sessuale.

Da allora  la nostra vita non è più la stessa, lui adesso non sta più frequentando questo ragazzo e dice che sta riflettendo e che non sente di darsi un'identità. Cosa ne pensa, può  essere stato un momento di confusione o lo sta dicendo per farci contenti?

La ringrazio. 

Buongiorno,

dopo aver ricevuto molte mail di persone che avevano paura di essere gay,  mi stavo giusto chiedendo quando avrebbero incominciato a scrivermi i genitori che si trovano di fronte alle incertezze o alle scelte sugli orientamenti sessuali dei propri figli.

E se da un lato è un bel segno che i figli si sentano liberi e protetti nel parlare con i genitori delle proprie evoluzioni in campo sessuale e sentimentale, è altrettanto imbarazzante scoprire che non tutti i genitori si sentano sicuri e preparati ad affrontare gli argomenti che riguardano le scelte sessuali e sentimentali dei propri figli. E dunque, più che dei problemi dei figli, dovremmo parlare della preparazione al ruolo genitoriale di fronte alla sessualità dei figli.

Lei infatti scrive: Da allora  la nostra vita non è più la stessa, che è una affermazione un po' generica, ma che dà l'impressione che voi siate molto preoccupati. Come se viveste con la paura che vostro figlio potesse essere in pericolo o stesse facendo qualcosa di pericoloso. Tanto che,  quando aggiunge: può  essere stato un momento di confusione o lo sta dicendo per farci contenti?  Viene il sospetto che debba essere il figlio a dover rassicurare i propri genitori, mentre invece dovrebbe essere più naturale che fossero i genitori a rassicurare i figli.

Ed è proprio di rassicurazione che avete bisogno tutti: ne ha bisogno suo figlio che è sicuramente confuso rispetto alla dinamica dei suoi sentimenti e ne avete bisogno voi genitori. Innanzitutto perché in tutto ciò non vi è nulla di pericoloso.

Anzi, avere e vivere, in adolescenza, un periodo di esplorazione, di sperimentazione e di ambivalenza rispetto alla propria sessualità è così frequente da considerarsi normale. In secondo luogo, essere o avere esperienze o tendenze omosessuali non dovrebbe far paura a nessuno. Anche se, gestire i propri sentimenti e le proprie attrazioni ha sempre creato turbamenti a tutte le età. Quindi, invece che: far finta di niente e visto che vostro figlio vi ha riconosciuto come dei punti di riferimento, inviterei tutti voi a parlarvi di più e serenamente, per aiutarvi reciprocamente a capire quali sono le vostre perplessità, senza alcun conflitto, e con lo scopo di rispettarvi l'un l'altro, per uscirne ancora più rafforzati come una famiglia davvero unita.

Saluti

Dott.Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Ant-Man and the wasp Di Peyton Reed Azione U.S.A., Regno Unito, 2018 Scott Lang deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Mentre è impegnato a gestire la sua vita familiare e le sue responsabilità come Ant-Man, si vede assegnare una nuova e urgente missione da... Guarda la scheda del film