Magazine Mercoledì 4 aprile 2018

Romano De Marco, Se la notte ti cerca: omicidi di donne nella Roma bene

Magazine - Se la notte ti cerca (ed. Piemme 2018, pp 324, Euro 17.50) segna il ritorno in scena, dopo il trasferimento a Roma da Milano, dove ha vissuto un’intensa esperienza lavorativa, del commissario di polizia Laura Damiani, 37 anni, già incontrata e apprezzata in Città di polvere.

Ora, dopo aver rifiutato una promozione a dirigente, ha una minisquadra ai suoi ordini, all’Antirapina di Roma, fatta di due uomini: Paolo Silveri, ispettore capo, 32 anni, suo storico braccio destro e Leo Fragassi, vice sovrintendente, 27 anni originario di Vittorio Veneto, più giovane, forse ancora da rodare. E si parte subito con Laura Damiani che, alla testa dei suoi collaboratori, in un riuscito agguato in una superette della capitale, becca un delinquente slavo che ha ucciso senza pietà una guardia giurata.

Ma, neppure il tempo di stendere il rapporto e il commissario Laura Damiani dall’Antirapina viene trasferita d’ufficio temporaneamente alla sezione omicidi e assegnata all’indagine sull’omicidio di una cosiddetta signora bene della Roma che conta: Claudia Longo. Una ricca cinquantaquattrenne divorziata, rifatta ed egoista, una donna che viveva spendendo, spandendo senza limiti e passando con disinvoltura da un chirurgo plastico all’altro per contrastare le tracce degli anni. Insomma una donna che non riusciva ad accettare il fallimento del suo matrimonio, incrudelita con tutti e tutto, che manteneva un cattivo rapporto persino con i figli e curava la sua depressione pagandosi una catena di amanti occasionali conosciuti al Single, un costoso club esclusivo di incontri particolari in zona Eur.

A primo acchito un delitto passionale dunque, compiuto da un amante respinto ma perché? A Laura la faccenda non torna troppo e allargando un po’ il tiro, scopre possibili collegamenti con altre morti. Catalogate come morti per disgrazia, ma forse invece? E anche la piemme, una bolognese tosta, non ci vede chiaro. Naturalmente i suoi superiori gerarchici, che non hanno interesse a scoprire certi altarini, faranno il possibile per intralciare le indagini.

La vittima, Claudia Longo, era sola e infelice come lo è Angela Scala, una donna di mezza età, lavoratrice precaria, una che si dà arie di scrittrice ma campa male, senza successo e senza speranze. Claudia e Angela, entrambe sole, prede deboli e insicure sono vittime perfette. Anche Angela frequenta il Single dove suonano i Mash Crew, un gruppo il cui frontman, Andy, o meglio Andrea Lovato, personaggio che De Marco ha ricostruito sulla falsariga di Danny Losito, cantante che negli anni Novanta sbaragliò le classifiche internazionali con il brano Found Love. Andy Lovato è un personaggio talmente intrigante che persino Laura Damiani subisce il suo fascino. Persino lei una poliziotta, esperta, abituata ad affrontare ogni situazione, eppure stavolta... Ci casca? E chissà se proprio questa sua momentanea debolezza fa risaltare le vicende, i dubbi dei personaggi che con l’alternarsi nella scrittura delle diverse voci in prima persona rendono corale il romanzo, passando ogni tanto alla terza persona che, quasi fosse una microspia, insegue la storia, sondando l’anima di chi la vive. Possibile che il mistero nasconda il suo cuore nero nelle perversioni del Single? Ma quel mistero avrà il volto e la voce del cantante Andy Lovato?

Si parla di solitudine in questo libro, di delusione, di rimpianto, ma anche di casa e di famiglia. Ci sono donne e uomini, che cambiano, o sono cambiati e non si ritrovano in quello che sono diventati. Donne e uomini soli alla ricerca di stima, di sicurezza o magari solo di affetto. Uomini e donne che ingannano se stessi? Uomini e donne che non riescono a guardare in faccia i loro incubi e che messi di fronte alla realtà, non riusciranno a sopportarla? Romano De Marco sparge laboriosamente spunti e fili conduttori fino alla conclusione e semina indizi, andando a scavare persino nel deep web, per farci intravedere la verità.

Gioca a sfumare e nascondere i sentimenti e le personalità dei personaggi, in una storia che costringe a riflettere.

Nel genere noir esistono diversi tipi di romanzi, ma esiste anche la differenza tra una storia qualunque e una buona storia. Stavolta Romano De Marco oltre a raccontarci e a spiegarci le obiettive realtà di un bravo poliziotto, o meglio le difficoltà e le tante insicurezze che possono tormentare chi indossa una divisa, come valore aggiunto, va a sondare anche l’angoscia vissuta sulla propria pelle di chi è vittima del proprio passato e la solitudine di chi è costretto ad affrontare certi cambiamenti.

In questa sua storia, Roma non è solo un inerte palcoscenico ma una moderna città eterna da rileggere attraverso le belle descrizioni, senza dimenticare l’afflato umano di chi la vive. Ma anche una città dove si affastellano precari equilibri di potere e che diventa a tratti una presenza, minacciosa, con i suoi troppi vizi e trasgressioni e l’oscurità di segreti inconfessabili, che potrebbero coinvolgere e travolgere persino i protagonisti. Una buona storia che, oltre ad appassionare, riesce ad affilare concretamente la sua trama, questo romanzo a mio vedere ha una marcia in più. E con Se la notte ti cerca Romano De Marco ha fatto sicuramente un buon lavoro.

                                                                     ---------------------------------------------------------------

Classe 1965, Romano De Marco è responsabile della sicurezza di uno dei maggiori gruppi bancari italiani. Ha alle spalle diverse pubblicazioni tra cui, con Feltrinelli, Morte di Luna, Io la troverò e Città di polvere. Con Piemme ha pubblicato L’uomo di casa (che ha ottenuto il Premio dei Lettori Scerbanenco). I suoi racconti sono apparsi su giornali e riviste, tra cui Linus e Il Corriere della Sera, e i periodici Giallo Mondadori. Vive tra l'Abruzzo, Modena e Milano.

di Patrizia Debicke van der Noot

Potrebbe interessarti anche: , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi , Prendi la mia vita: racconto di un'esistenza in bilico tra reale e virtuale. Il libro di Lottie Moggach , Salvezza: il racconto del viaggio a bordo dell'Aquarius nella graphic novel di Rizzo e Bonaccorso , Il Sessantotto a fumetti di Gianfranco Manfredi, l'intervista

Oggi al cinema

La La Land Di Damien Chazelle Commedia, Drammatico, Musicale U.S.A., 2016 Mia è un’aspirante attrice che, tra un provino e l’altro, serve cappuccini alle star del cinema. Sebastian, è un musicista jazz che sbarca il lunario suonando nei piano bar. Dopo alcuni incontri casuali, fra Mia e Sebastian esplode... Guarda la scheda del film