Magazine Mercoledì 24 gennaio 2018

Ho vent'anni e sono un'amante, un ruolo che tutti sanno solo giudicare

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve, 
sono Mary, ho vent'anni e sono un'amante
Che poi a me neanche piace il nome amante: la poco di buono, la sgualdrina, la mangia uomini. 

È questo che pensa la gente degli amanti. 
Ma, a vederla meglio, amante è solamente colui/colei che ama. È uno di quei ruoli che non ti aspetteresti, un ruolo che tutti sanno giudicare ma che nessuno, o forse in pochi, sanno davvero ricoprire. 

È iniziata così: io nuovo lavoro, lui molto più grande di me, affascinante, solare, uno di quelli che ci sa fare. Difetti? Sposato, tre figli, traditore seriale.

Inizia così, per la mia voglia di affetto e per la sua voglia di aggiungerne una alla lista (almeno, penso io). Le cose vanno avanti per giorni, settimane, mesi. La voglia di vederlo, il fascino del proibito, la gioia e la passione si alternano alla tristezza, alle lacrime, alla rabbia e ai sensi di colpa. 

Dopo tre mesi mi accorgo che non può andare avanti così, che non posso soffrire così tanto per poche ore di felicità. Decido di lasciarlo, ma per la mia debolezza riesce a farmi cambiare idea e da lì non lo lascio più. 

Mi arrampico all'idea che se non posso averlo del tutto, meglio poco che niente. Adesso sono sette mesi. Mi piace tanto, troppo. Non è solo sesso. All'inizio ero consapevole di quello a cui andavo incontro, sapevo che non potevo affezionarmi a lui e che certi confini non avrei mai potuto superarli. Adesso ogni certezza è crollata. 

Solo i sensi di colpa mi riportano alla realtà: non voglio passeggiate, cene fuori, week end, regali, notti insieme. Sono un'amante, non mi spettano, non ne ho diritto. Ma sarei un'ipocrita a non dire che, se potessi, farei tutto quanto! Quando sono avvolta dai miei pensieri più bui mi rendo conto di quanto mi faccia male tutta questa storia. 
Ho solo vent'anni, forse un giorno ricorderò quest'esperienza con un sorriso sulle labbra
Ma adesso vivo questo amore in un'ombra e la luce mi sembra tanto, troppo lontana.

Mary

Buongiorno Mary,
ha ragione, le categorie non piacciono neanche a me e men che meno mi piace,  giudicare le persone  usando categorie spesso figlie di vecchi pregiudizi.

In fondo che bisogno c'è? Lei  vive una relazione (di amore e di sesso) che le dà forti emozioni, alcune anche molto belle ed allo stesso vive altre emozioni molto più brutte.

Ma non è quello che spesso accade nelle relazioni vissute con  grande intensità emotiva? A prescindere dalla categoria a cui si pensa di rinchiudere le persone?

E non conta se lei è una splendida 20enne e lui un traditore seriale. Le grandi storie d'amore e di passione, quasi sempre,  hanno sempre protagonisti fuori dagli schemi. E le grandi storie di passione sono tali perché caratterizzate da slanci inarrestabili e da lampi di meraviglia. Ma sono anche storie che portano con sé, inevitabili risvolti dolorosi o tragici, a meno che non si trasformino in rapporti decisamente più banali e noiosi.

In ogni caso sono vampate destinate ad avere una parabola con un finale discendente. E di questo volevo parlare. Certo, ora, per lei e per lui, non ha senso chiudere (se pure per motivazioni diverse) e dunque presumo che la vostra storia continuerà, sino a quando gli equilibri si romperanno e sarà la stessa storia che vi obbligherà a chiudere, perche non sarà più possibile continuare con la stessa reciproca gioia.

E questo sarà un’ulteriore fonte di dolore.
Non voglio fare il gufo, ma visto che ci sarà una fine e a cui seguirà un  dopo, dove ci sarà da piangere, tanto vale che, ora, lei  si viva la sua storia, senza troppi sensi di colpa. A pensarci bene, se si guarda intorno, a prescindere dalla composizione dei partner, molte delle storie dei 20 anni non sono destinate ad avere una lunga vita.
E dunque perche preoccuparsi?
(L'unica grande preoccupazione deve essere rivolta a stare davvero molto attenta a non restare incinta).

Detto questo, l' unica altra avvertenza riguarda la sua prossima relazione. Se davvero questa storia è fantastica, quando finirà è molto probabile che lei farà un po' di fatica a trovare un’altra persona che la travolgerà con le stesse sensazioni. Ed è possibile che molti altri uomini, se pur mossi dalle migliori intenzioni, le sembreranno insipidi e dunque poco attraenti.

Insomma, avrà bisogno di un po’ di tempo per ritrovare il  suo equilibrio.
Ma anche questo è normale. Un po’ come il senso di spaesamento nel  tornare a casa,dopo essere stati in vacanza un mese al carnevale di Rio.
E questo è tutto: lei è una 20enne innammorata.
Lui è un fascinoso traditore seriale con moglie e figli.
È una fantastica tragedia annunciata.
Al cinema molti vanno pazzi per questo tipo di film.
Ma viverli nella realtà è davvero molto più complicato.

Auguri
Dott.Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mental Coach
Genova

Potrebbe interessarti anche: , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria

Oggi al cinema

Searching Di Aneesh Chaganty Thriller U.S.A., 2018 Dopo che la figlia sedicenne di David Kim scompare, viene aperta un'indagine locale e assegnato un detective al caso. Ma 37 ore dopo David decide di guardare in un luogo dove ancora nessuno aveva pensato di cercare, dove tutti i segreti vengono conservati:... Guarda la scheda del film