L'estate del Genova Film Festival - Magazine

Cinema Magazine Giovedì 19 giugno 2003

L'estate del Genova Film Festival

Magazine - Un albergo di lusso e una sala gremita per la conferenza stampa del , appuntamento che, da sei anni, rinfresca l'estate Genovese con un po' di sana cultura cinematografica.
Come di consueto, Antonella Sica e Cristiano Palozzi, organizzatori della manifestazione, presentano i protagonisti della nuova edizione, che aprirà i battenti il 30 giugno per concludersi il 6 luglio al Multisala America di via Colombo.

Molte le novità e ricco che, come ogni anno, lascia largo spazio ai giovani registi e alle loro opere. «Sono sei gli autori genovesi selezionati per il concorso nazionale di cortometraggi», spiega Antonella, «Siamo particolarmente fieri della professionalità che questi giovani registi hanno raggiunto. Il trio , Fabio Prati e Marcello Ercole aveva già vinto, nel 2001, la sezione Obiettivo Liguria e quest'anno passa a concorrere nella sezione nazionale con il nuovo corto ». Raimondo Della Calce e Primo Dreossi partecipano con una divertente animazione in 3D, Heterogenic. Ci sono poi Matteo Musso, Massimo Stella, Michele Rovini e Paolo Ameli che, con Rosso Fango, ha vinto quest'anno il prestigioso David Di Donatello nella sezione dedicata ai cortometraggi.
«La sezione competitiva regionale, "Obiettivo Liguria", propone una giuria tutta al femminile», afferma orgogliosa Maria Eugenia Esparragoza, documentarista venezuelana, che di questo "team in rosa" fa parte insieme alle giornaliste Raffaella Grassi e Daniela Pellegrini.

Giancarlo Berardi, sceneggiatore di fumetti, fa parte della giuria del concorso nazionale: «Spero di imparare qualcosa da questa esperienza: quando si tratta di avere a che fare con i giovani sono sempre disponibile», dice al microfono.
Spazio poi al cinema Irlandese, cui è dedicata la retrospettiva Oltre i confini: «La cinematografia irlandese ha vissuto, negli anni Novanta, una vera e propria rinascita. Durante il Festival verranno presentate le pellicole di autori che, solo in rari casi, sono riusciti a varcare i confini dell'isola».

Franco Vazzoler, docente di Letteratura Teatrale Italiana all'Università di Genova, presenta invece una nuova sezione, volta ad indagare i legami tra il cinema e il teatro. «Grande protagonista di questa sezione è Anna Bonaiuti, attrice teatrale e cinematografica», spiega Vazzoler. «Sarà possibile ripercorrere la sua fortunata carriera cinematografica al fianco di Mario Martone, regista napoletano per cui Anna è stata una vera e propria Musa ispiratrice».
A questo punto la magia della settima arte avrà inebriato un po' tutti. Il Genova Film Festival ha pensato anche alla parte didattica: il seminario sulle professioni del cinema sarà tenuto quest'anno da Giuliano Montaldo, poliedrico conoscitore dell'arte cinematografica. Regista ma anche attore, sceneggiatore e produttore. L'incontro è previsto per domenica 6 luglio.

Non mancherà, come ogni anno a partire dal 2001, l'omaggio a Vittorio Gassman. Ma il Festival non dimentica un altro grande della commedia italiana: Alberto Sordi. Il Mattatore e Albertone torneranno a farci ridere nelle sale della Multisala America con film come Una vita difficile e I nuovi mostri. Senza dimenticare La Grande Guerra, uno dei capisaldi del cinema italiano.
Ma è giunto il momento di dare la parola al grande Claudio G. Fava, cui è dedicata la sezione Genova per noi. Famoso critico cinematografico, noto al grande pubblico per la numerose apparizioni televisive, Fava riceve dal Festival un omaggio che è quasi doveroso. Sarà lui a inaugurare il Genova Film Festival e a lui sarà dedicata una striscia pomeridiana quotidiana, per rivedere le sue più interessanti apparizioni televisive. Da non perdere il pomeriggio dedicato al doppiaggio con un incontro, martedì 1 luglio, di cui Fava sarà ancora protagonista.
È il momento dei ringraziamenti, che Antonella e Cristiano dedicano a chi al Festival ha sempre creduto. Come il , pronto a sostenere un evento culturale la cui importanza cresce negli anni. E poi , casa editrice che è una perla nel panorama dell'editoria genovese, ma che è spesso sottovalutata.
Questa edizione servirà come trampolino di lancio per quella del 2004,«un'edizione speciale», spiega Antonella, «per cui promettiamo grandi sorprese».

Potrebbe interessarti anche: , Bohemian Rhapsody: non la solita recensione del film sui Queen , Gli incredibili 2 e Bao ad Annecy 2018 e a settembre al cinema , Ralph spaccatutto: il sequel ad Annecy 2018 e al cinema , Festival di Annecy 2018: vincitori e premi. C'è anche l'Italia , L'animazione impegnata al Festival Annecy 2018: da Another Day of Life a Funan