Magazine Mercoledì 29 novembre 2017

Il mago del Nilo, il nuovo romanzo sull'antico Egitto di Christian Jacq

Magazine - Dopo la saga di Setna e i romanzi dedicati alle grandi donne d’Egitto, arriva oggi in libreria Il mago del Nilo. Imhotep e la prima piramide, il nuovo romanzo edito da Tre60 dello scrittore-archeologo da 4 milioni di copie vendute in Italia, Christian Jacq.

Per la prima volta troviamo in un romanzo le interpretazioni degli antichi geroglifici egizi e la storia della costruzione della più celebre piramide di Saqqara quella di Djoser. L’epoca di costruzione delle Piramidi ebbe inizio con la III° Dinastia circa  2700-2620 a.C.  All’inizio forse non ancora una vera struttura geometrica a forma di piramide ma il tentativo di riprodurre in un monumento la speranza, del Faraone di avvicinarsi a Ra (dio Sole di Eliopoli) e diventarne parte integrante. Sappiamo anche che la destinazione del complesso non era soltanto funeraria,  aveva funzione celebrativa della regalità e della divinità del sovrano e, con la forma della costruzione, l’intento di rispecchiare la sua ideale riforma. La Piramide di Djoser, detta anche “Piramide a gradoni”, possente scala formata da sei mastabe o gradoni in pietra sovrapposti di circa 120 m. per 110, alta 60, e primo colossale Mausoleo faraonico, fu opera della genialità di un sol uomo: Imhopet, architetto, consigliere e confidente del Sovrano e suo Gran Visir (una specie di Primo Ministro).

Con Imhotep, l’architettura egizia conobbe la rivoluzione offerta dalla pietra (fino ad allora le costruzioni si avvalevano di legno e mattoni crudi) che offriva migliore resistenza, buona maneggiabilità e la Piramide, così come oggi possiamo vederla, è solo la parte esterna del mausoleo che poggia su una serie di pozzi che portano attraverso un intricato labirinto di corridoi alla stanza sepolcrale e a numerose camere.

Il mago del Nilo è l’ardita ricostruzione leggendaria e romanzata della nascita della piramide di Djoser a Saqqara. Il risultato è una storia che può apparire abbastanza tecnica talvolta ma sempre appassionante e di ampio respiro.

Qualche breve cenno sulla trama: alla morte del faraone Khasekhemu l’Egitto sembra sprofondare nel caos. Una forza oscura, munita di grandi poteri malefici, l’Ombra rossa, che si cela tra gli alti dignitari della corte, vorrebbe approfittare dell’occasione per prendere il sopravvento e trasformare la ricca terra dei Faraoni nel Regno delle Tenebre. La decisione di chi sarà il nuovo sovrano, il candidato sarebbe Djoser figlio del defunto, è in mano a sua madre, vedova di Khasekhemu, che ha acquisito la reggenza e ai più alti dignitari del regno ma, naturalmente, necessita dell’alta benedizione degli dei. Non solo, perchè l’eletto dovrà anche provare la sua capacità come comandante militare. Ci riuscirà finalmente a prezzo di tempo, determinazione e fatica. Nel frattempo però, il suo peggior nemico, l’Ombra Rossa, prova in tutti i modi a fare breccia negli animi dei cittadini mettendoglieli contro e cerca di radunare un esercito tra le tribù libiche per conquistare la terra dei faraoni. Ed è proprio in questo clima di contrasti e difficoltà che fa la comparsa Imhotep, un vasaio, un giovane artigiano che oltre a straordinarie capacità artistiche, scopre di possedere poteri sovrannaturali, in grado di guarire e  capaci di contrastare il male. Integerrimo servitore dello Stato e degli dei, Imhotep non può immaginare il suo destino: da semplice vasaio diventerà un geniale personaggio, saggio amministratore, medico, eccezionale architetto, gran sacerdote, e addirittura eletto fratello del sovrano.

Perché dal suo fortuito incontro con il nuovo faraone Zoser, infatti, dipenderà il futuro della civiltà di Saqqara, fondata sulla costruzione della prima piramide che, quasi fosse una scala gigantesca, si trasformerà in un fondamentale monumento per unire idealmente la terra al cielo. Ma la strada è lunga, difficile e costellata di mortali ostacoli. Tra tranelli, continue lotte, contrasti interni, scontri sanguinosi, feroci battaglie, pericolose spedizioni nel deserto, intrighi e mortali complotti dell’Ombra rossa, anche per uccidere il faraone e distruggere il regno, riuscirà Imhotep a portare a termine l’immane impresa di costruire la piramide e a impedire alle forze del Male di prevalere?

In Il mago del Nilo Christian Jacq si conferma come il miglior affabulatore di fantastiche storie dell’antico Egitto e, mischiando con suasiva abilità la realtà con la magia, ci spiega del misticismo e dell’esoterismo legati da sempre  alle sue millenarie tradizioni. Stile semplice il suo, ma accompagnato ed esaltato da un linguaggio fluido e diretto, che facilita la lettura e la comprensione.

Christian Jacq ha raggiunto il successo mondiale con Il romanzo di Ramses, una saga pubblicata in 29 Paesi che ha battuto ogni record di vendita. Un caso editoriale straordinario, nato dalla sua passione per l’Antico Egitto, dai suoi studi di archeologia e dalla sua strepitosa vena narrativa. A distanza di vent’anni, Tre60 ha riportato l’autore in classifica con i libri della Saga di Setna, Il figlio di Ramses, raccolti anche in un unico volume. Uno straordinario successo che continua con la serie dedicata ai grandi personaggi dell’Antico Egitto: Nefertiti, la regina del sole, Cleopatra, l’ultima regina d’Egitto e Il mago del Nilo. Imhotep e la prima piramide.

di Patrizia Debicke van der Noot

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Tempi Moderni Di Charles Chaplin Commedia Usa, 1936 Impazzito per i forsennati ritmi di lavoro della catena di montaggio, Charlot finisce in ospedale e quando ne esce non ha più lavoro. Trova lavoro come cameriere in un ristorante dove canta la sua ragazza, ma deve fuggire e i due si ritrovano all'alba,... Guarda la scheda del film