Magazine Mercoledì 15 novembre 2017

Paura di essere gay o insicurezza?

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve dottore,
innanzitutto la ringrazio per questo servizio che ci mette a disposizione che sono sicuro mi sarà di grande aiuto.
Sono un ragazzo di 17 anni da sempre un pò insicuro e abbastanza ipocondriaco. Il vero problema è che da un pò, circa da maggio scorso, con ritmo altalenante, sono assalito da dubbi sulla mia eterosessualità.

Premetto che mi sono sempre piaciute le donne e, prima che lo scorso maggio comparisse questo dubbio, ero sicurissimo dei miei gusti.
Ho scritto ritmo altalenante perché quest’estate, forse frequentando diverse ragazze, mi sono scomparsi tutti i dubbi. 

Da qualche settimana ho subito un netto calo della libido rispetto al periodo precedente quando provavo desiderio sessuale (verso le donne) praticamente ogni giorno, e ho letto su internet che ciò potrebbe essere dovuto ad un’eccessiva masturbazione.

Sono rimasto basito di fronte a numerosi casi di perone famose e non che, nonostante avessero famiglia e figli, hanno fatto coming out anche in tarda età. 
In genere non ho mai avuto problemi ad esprimere giudizi fisici sui maschi, ma adesso non riesco a esprimerne neanche uno senza che mi venga il dubbio se mi sento fisicamente attratto da lui.

Il dramma è che sono sempre stato sicuro del mio futuro con le donne e questa paura mi ha praticamente fatto crollare il mondo addosso. Qualunque cosa mi stia accadendo non voglio assolutamente diventare gay e temo un’ipotetica omosessualità latente. Questi pensieri mi assalgono la notte impedendomi di dormire e ultimamente mi stanno pure deprimendo, facendomi sentire male in ogni situazione. Per esempio oggi in palestra ho passato tutto il tempo a chiedermi se fossi attratto da questo o da quello, e il risultato è stato che me ne sono tornato a casa piuttosto giù d’umore. Inoltre la mia mente continua da sola a immaginare diverse situazioni omosessuali in cui sarei coinvolto.

Aggiungo che non sono mai stato davvero bravo con le donne e ho spesso ammirato personaggi famosi che lo sono. Ultimamente la mia scarsa autostima nel non saperci fare ha peggiorato le cose e mi sento inferiore a qualunque ragazzo nei dintorni.

C’è qualcosa che posso fare per curare questa mia ossessione nel tormentarmi?
Pensa che passerò mai questa fase e ritornerò a vivere la vita di sempre?

Buongiorno ragazzo di 17 anni,
capisco che per lei, quella che descrive, è una situazione ansiogena, ma di questo argomento, ovvero della paura di essere gay, ho già scritto tante di  quelle volte, che,  ora, non vorrei ripetermi.

E sottolineo tante di quelle volte per evidenziare come questa paura sia una emozione condivisa da molti altri.
E così, per lei, come per tutti gli altri, che si trovano angosciati da questi dubbi la risposta è sempre la stessa: No! Lei non è gay. (E come tutte le altre volte, anche questa volta, mi ripeto nel dire che essere gay non è una cosa che dovrebbe incutere paura).

Ma, detto questo,  resta lo spazio per altre due domande: 
Cos'è che le fa davvero paura?
e vista la sua età 
Cosa vuol diventare da grande?

E sulle risposte a queste due domande dovrebbe impegnarsi, senza usare la scusa della paura di essere gay. Anche se, di certo,lei, di qualcosa ha paura davvero.
Incominciamo da quello che lei dice di sé:
17 anni, insicuro e ipocondriaco e dedito alla masturbazione. E quindi poco incline all’andare a esporsi negli approcci con le persone nella vita reale una volta che ha già trovato soddisfazione da solo.

Inoltre sembra che lei pensi  di non essere  abbastanza uomo  e ci sarebbe da definire meglio cosa significa per lei, essere un  vero uomo e come un  vero uomo si dovrebbe comportare per essere tale.

E se mi premette, già solo che su questo, ci sarebbe da parlare per ore.
E sia chiaro che non essere bravo con le donne non significa essere gay ma più semplicemente significa essere imbranati (scusi il termine gergale, ma rende l'idea).

Del resto, anche per essere bravo con gli uomini ci vuole lo stesso una certa abilità.
Ecco questo potrebbe essere il suo lei, ora. (Giustificato, in parte, dalla sua giovane età).
Ma lei è destinato a crescere ed anche a modificarsi. 
Per questo il passo seguente è domandarsi non tanto cosa di cosa ho paura di essere ora, ma cosa voglio essere e come voglio essere capace di comportarmi, tra un anno o due.

Ed a questa domanda non posso rispondere io al posto suo.
Certo che  sarebbe utile che lei fosse più sicuro di sé, meno ipocondriaco e più disposto a intraprendere relazioni con le altre persone (anche a rischio di qualche, inevitabile, fallimento).

Stabilito cosa vuole essere tra un anno, dovrà anche mettersi in moto per fare i passi giusti per diventare quello che desidera essere. E come tutti i nuovi apprendimenti, anche questo necessita di fatica e costanza.

Sarebbe troppo lungo fare l'elenco, ma di sicuro smettere di pensare ai propri supposti limiti ed incominciare a voler fare la fatica per superarli, sarebbe un buon inizio,

Ci pensi su e poi mi faccia sapere.
Sarà un piacere aiutarla ancora.
Saluti

Dott. Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo
Genova 

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Eraserhead La mente che cancella Di David Lynch Horror Usa, 1977 Henry Spencer, tipografo, vive da solo in uno squallido appartamento fra le allucinazioni che la sua mente malata visualizza. Durante un grottesco pranzo in casa dei suoceri, apprende che Mary, la sua ragazza è incinta e viene obbligato a sposarla,... Guarda la scheda del film