Magazine Mercoledì 18 ottobre 2017

Mia figlia ruba. Non so come affrontare la situazione

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve,

sono genitore separato con figli.
La mia ex moglie rubava di tutto in casa: oro, bancomat e poi bugie tante bugie. Le stesse bugie di mia figlia che a sua volta ruba l’intero portafogli al fratello. Lei ha 28 anni e lui 27.

Come le loro cugine che rubano soldi nella casa dei nonni e di chiunque capiti a tiro.
Si tratta di DNA oppure di che cosa?
Non sappiamo come affrontare situazione.
La ragazza sta andando a convivere ed ho paura che accada anche col suo compagno, che faccio?

Buongiorno,

capisco la sua preoccupazione.
Rubare e dire bugie, non é un bel modo di relazionarsi con gli altri. Ancora più triste se si ruba e si dicono bugie, proprio alle persone che sono più affettivamente vicine.

Ma detto questo, mi spiace, ma,  alla sua attuale domanda: che faccio? Temo di non poterle fornire una risposta esaltante. Sua figlia è un'adulta e come tale va considerata. Dunque, le sue possibilità di agire, in qualità di padre, sono molto limitate. Se un adulto ruba o mente, diventa un problema che va al di la dell'ambito familiare.

E può persino configurarsi come un reato. Sono pero incuriosito dal fatto che lei sollevi questo problema  proprio adesso che sua figlia è ben più che maggiorenne.

So che questo è un argomento scomodo, ma, nei confronti dei figli ci sono cose, azioni ed  interventi che si possono e si devono fare,  in certi specifici momenti del loro sviluppo, oltrepassati i quali, non si possono recuperare facendoli dopo.

Detto in altre parole, quello che c'era da fare, se mai,  andava fatto prima di arrivare ai 28 anni.
Usando un paragone è come se una mamma che non ha allattato al seno il proprio figlio, si chiedesse, ora, che il figlio ha 28 anni, cosa può fare come "madre". E non credo che a 28 anni si possa pensare di allattare al seno per compensare ciò che non si è fatto prima.

Ci tengo a precisare che questa è unicamente una riflessione formale e in nessun caso può essere usata per colpevolizzare le figure genitoriali.

Infatti, anche i genitori, nonostante le migliori intenzioni, possono essere vittime, loro stessi, di condizioni avverse, che gli impediscono di agire, liberamente ed al momento opportuno.

E questo lo scrivo perche lei si possa sentire più sereno di fronte al fatto che, a questo punto, non ci siano più le possibilità di intervenire, come genitore, su sua figlia che, oramai, è da considerarsi, a pieno titolo, una persona adulta e responsabile delle proprie azioni.

Ciò non toglie che sarebbe utile se lei riuscisse a far capire a sua figlia che, al di là di tutto, se ha questo bisogno di rubare, quasi in maniera coatta, forse è il segno di un suo problema molto intimo e che sarebbe opportuno se, lei stessa, si decidesse ad affrontare questo suo disagio esistenziale, intraprendendo un percorso personale, affidandosi alle cure di uno psicologo psicoterapeuta.

E poi chissà? Può anche  capitare che i figli, divenuti adulti, riescano a seguire qualche consiglio dei propri genitori. Non perché sono i consigli dei loro genitori, ma perché sono consigli sensati.

Saluti

Dott. Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mentsl Coach
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Il mio ragazzo guarda film porno, ma non fa sesso con me» , Paura di sposarsi: i dubbi di una ragazza, la risposta dello psicologo , «Ho chiamato il mio compagno con il nome del mio ex: Cosa c'è che non va?» , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre

Oggi al cinema

Lo sguardo di Orson Welles Di Mark Cousins Documentario 2018 What's in the box? Cosa c'è nella scatola? si chiede Mark Cousins cineasta e studioso di cinema, già autore della sua nota (e preziosissima) rilettura personale della storia del cinema in The Story of Film (2011). Grazie all'accesso... Guarda la scheda del film