Magazine Mercoledì 18 ottobre 2017

Mia figlia ruba. Non so come affrontare la situazione

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve,

sono genitore separato con figli.
La mia ex moglie rubava di tutto in casa: oro, bancomat e poi bugie tante bugie. Le stesse bugie di mia figlia che a sua volta ruba l’intero portafogli al fratello. Lei ha 28 anni e lui 27.

Come le loro cugine che rubano soldi nella casa dei nonni e di chiunque capiti a tiro.
Si tratta di DNA oppure di che cosa?
Non sappiamo come affrontare situazione.
La ragazza sta andando a convivere ed ho paura che accada anche col suo compagno, che faccio?

Buongiorno,

capisco la sua preoccupazione.
Rubare e dire bugie, non é un bel modo di relazionarsi con gli altri. Ancora più triste se si ruba e si dicono bugie, proprio alle persone che sono più affettivamente vicine.

Ma detto questo, mi spiace, ma,  alla sua attuale domanda: che faccio? Temo di non poterle fornire una risposta esaltante. Sua figlia è un'adulta e come tale va considerata. Dunque, le sue possibilità di agire, in qualità di padre, sono molto limitate. Se un adulto ruba o mente, diventa un problema che va al di la dell'ambito familiare.

E può persino configurarsi come un reato. Sono pero incuriosito dal fatto che lei sollevi questo problema  proprio adesso che sua figlia è ben più che maggiorenne.

So che questo è un argomento scomodo, ma, nei confronti dei figli ci sono cose, azioni ed  interventi che si possono e si devono fare,  in certi specifici momenti del loro sviluppo, oltrepassati i quali, non si possono recuperare facendoli dopo.

Detto in altre parole, quello che c'era da fare, se mai,  andava fatto prima di arrivare ai 28 anni.
Usando un paragone è come se una mamma che non ha allattato al seno il proprio figlio, si chiedesse, ora, che il figlio ha 28 anni, cosa può fare come "madre". E non credo che a 28 anni si possa pensare di allattare al seno per compensare ciò che non si è fatto prima.

Ci tengo a precisare che questa è unicamente una riflessione formale e in nessun caso può essere usata per colpevolizzare le figure genitoriali.

Infatti, anche i genitori, nonostante le migliori intenzioni, possono essere vittime, loro stessi, di condizioni avverse, che gli impediscono di agire, liberamente ed al momento opportuno.

E questo lo scrivo perche lei si possa sentire più sereno di fronte al fatto che, a questo punto, non ci siano più le possibilità di intervenire, come genitore, su sua figlia che, oramai, è da considerarsi, a pieno titolo, una persona adulta e responsabile delle proprie azioni.

Ciò non toglie che sarebbe utile se lei riuscisse a far capire a sua figlia che, al di là di tutto, se ha questo bisogno di rubare, quasi in maniera coatta, forse è il segno di un suo problema molto intimo e che sarebbe opportuno se, lei stessa, si decidesse ad affrontare questo suo disagio esistenziale, intraprendendo un percorso personale, affidandosi alle cure di uno psicologo psicoterapeuta.

E poi chissà? Può anche  capitare che i figli, divenuti adulti, riescano a seguire qualche consiglio dei propri genitori. Non perché sono i consigli dei loro genitori, ma perché sono consigli sensati.

Saluti

Dott. Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mentsl Coach
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Lolo Giù le mani da mia madre Di Julie Delpy Commedia Francia, 2015 Durante una vacanza, la sofisticata Violette incontra Jean-René, un informatico un po imbranato ma amante della vita. Contro ogni previsione, i due entrano in sintonia e alla fine dell’estate Jean-René raggiunge Violette... Guarda la scheda del film