Concerti Magazine Venerdì 6 giugno 2003

Il ritorno dei diavoli di Oxford

Hail To The Thief, benvenuto al ladro! Se c'è una cosa che non si può rimproverare ai Radiohead è la mancanza di coraggio. Coraggio nelle scelte musicali, nel pubblicare, un disco anti-commerciale come Kid A dopo il successo di Ok Computer, coraggio nell'intitolare ora il loro ultimo album Hail To The Thief, riprendendo l'ironica frase che accompagnò la contestata elezione di George "Dabliù" Bush.

I Radiohead sono tra i pochi gruppi in grado, oggi, di scrivere la storia della musica, e ogni uscita di un loro disco si trasforma nell'evento musicale dell'anno. L'attesa questa volta era tutta concentrata sul tipo di sonorità che avremmo ascoltato, le elaborate trame elettroniche e ritmiche di Kid A o piuttosto l'annunciato ritorno alle chitarre e alla melodia di The Bends.

Questo album metterà d'accordo un bel po' di fans: infatti racchiude, nelle 14 canzoni proposte, le sonorità espresse dal gruppo finora, per arrivare ad uno stile Radiohead inconfondibile che, già da tempo, vanta numerosi tentativi di imitazione (Coldplay e Travis su tutti). Il disco potrebbe quasi definirsi 'accessibile', ma ciò non vuol dire che non vada ascoltato più e più volte per poter assimilare quella che sembra musica proveniente da un altro pianeta, un pianeta lontano anni luce dal pop usa e getta che sgorga dai vari network radiofonici ogni giorno. Volendo descrivere ogni canzone dell'album bisognerebbe versare fiumi d'inchiostro: HTTT non è un concept album ma un insieme di brani scritti, a detta di Thom Yorke e soci, in un momento di stato di forte intesa nel gruppo.

Di queste 14 tracce almeno 8 possono essere considerate dei veri e propri capolavori: Sail To The Moon, ad esempio, con la sua atmosfera sognante e psichedelica, roba che se chiudi gli occhi mentre l'ascolti potresti ritrovarti su qualche nuvola verso la Luna. E poi Go To Sleep, con le tanto attese chitarre di Yorke, Greenwood e O'Brien. Where I End And You Begin è un'altra perla del disco, che da sola dimostra come i Radiohead riescano a farti muovere il piede a tempo senza dover picchiare su una batteria, e come la voce di Yorke sia una delle poche in circolazione che riesca a lasciarti un segno nelle orecchie e nello stomaco. There There è il singolo anticipatore dell'album, una canzone che si potrebbe definire quasi orecchiabile se non fosse per l'accezione negativa che di solito evoca questo termine. I Will segna un attimo di pausa nel disco e, per 'fortuna', dura meno di tre minuti: difficile non farsi venire la pelle d'oca per come le voci e l'atmosfera evocata sembrano scavarti dentro mentre l'ascolti. E poi il gran finale, con Myxomatosis, ovvero come ti creo una canzone trascinante senza il solito schema preconfezionato "tema + ritornello"; Scatterbrain, altri tre minuti e mezzo di puri brividi sonori, e A Wolf At The Door, una favola in musica che dovrebbe chiudere l'album e che invece, per la sua bellezza, ti fa urlare "ancora, ne voglio ancora".

E poi le influenze jazz che traspirano da We Suck Young Blood e A Punch-Up At The Wedding, la sezione ritmica ancora in grande spolvero in brani come 2+2=5 e Sit Down, Stand Up, l'elettronica alla Kraftwerk in Backdrifts e The Gloaming.

Dire che Hail To The Thief ha già prenotato il premio come miglior disco dell'anno è il minimo per descriverne la bellezza. Come acqua nel deserto, queste canzoni ci ripagano dal dover ascoltare la solita musica senza anima, e dopo averne assimilato per bene ogni suono e ogni battito, potremmo tornare a chiederci quale sarà la prossima mossa dei cinque di Oxford. Intanto potremo ammirarli dal vivo, a luglio: il 7 a Bergamo, l'8 e il 9 a Firenze, l'11 e il 12 a Ferrara.

Nicola Calabria

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La vita è facile ad occhi chiusi Di David Trueba Commedia Spagna, 2014 Spagna, 1966, in pieno regime franchista. Un professore che usa le canzoni dei Beatles per insegnare l’inglese ai suoi alunni viene a sapere che John Lennon si trova in Almeria (Andalusia) per girare da attore il film “Come ho vinto la guerra”.... Guarda la scheda del film