E meno male che c'è la Tv - Magazine

Attualità Magazine Domenica 25 maggio 2003

E meno male che c'è la Tv

Magazine - Cara, vecchia televisione. E chi può fare a meno di lei? Come rinunciare al calcio in diretta, al Grande Fratello e a agli Amici della De Filippi? Poi c'è anche, e per fortuna, la nicchia dell'informazione, quella seria. Dal tg all'approfondimento, dalla scienza alla politica.
Il mondo dell'informazione si evolve e la società cambia insieme a lui. Il mezzo televisivo è anche quello dei valori che, bene o male, prova a comunicare ai suoi fedeli seguaci, proponendo modelli di comportamento ora condivisibili, ora inaccettabili. Ma comunque destinati a lasciare il segno. È proprio così: i media danno e i media tolgono. Così la televisione diventa una vera e propria questione sociale, degna di assurgere a oggetto di studio e di sperimentazione operativa anche a scuola.

, laboratorio che si occupa di democrazia nella comunicazione, ha organizzato un Convegno nazionale su Scuola e Comunicazione. L'incontro è previsto per martedì 27 maggio alla Sala Chiamata del Porto, in piazzale S. Benigno, per discutere sull'esigenza di inserire lo studio della televisione tra le discipline scolastice. La sua storia, le sue novità e la sua incredibile capacità di comunicare.
L'analfabetismo che contraddistngue il rapporto tra il media più amato dagli italiani e i giovani studenti è senz'altro elevato e coinvolge l'intera popolazione. Sarebbe dunque interessante imparare quel linguaggio televisivo cui siamo abituati ma di cui ignoriamo le caratteristiche strutturali e la grammatica.
Dalla scuola di base all'Università sarà possibile fare amicizia con una realtà che molti conoscono solo superficialmente. Senza dimenticare quel mondo virtuale che, da alcuni anni, è entrato a far parte della vita di molti. Se non altro di quella degli assidui lettori di . Parlo di Internet e della sua rete, così affascinante e così misteriosa.

Internet come forma di comunicazione. E la rete è destinata, grazie agli sviluppi tecnologici, alla connessione televisiva, creando così nuove modalità di fruizione della scatola magica.
Anche il computer diverrà dunque oggetto di studio e di sperimentazione didattica. Proprio su questi temi si svilupperà il Convegno, che punterà sulla creazione di una rete nazionale di scuole e di facoltà universitarie, lanciando una campagna nazionale di sperimentazioni didattiche.
Interverranno, tra gli altri, Renato Carpi, responsabile del Megachip Liguria, che presenterà una relazione introduttiva al Convegno. Poi Giulietto Chiesa, presidente del Megachip, e giornalisti come Ennio Remondino, corrispondente estero RAI, e Arturo di Corinto. Saranno inoltre presenti Ennio Massolo, assessore della , e , della Comunità di S.Benedetto.
Alle 18.00 sarà inoltre presentato il libro Diritto a comunicare e Sovranità Popolare, edito da . L’autore è Enrico Giardino, ingegnere ed ex dirigente RAI, ma anche esperto di telecomunicazioni.

Programma dei lavori
9:30- 12:30
Incontro con studenti,insegnanti e dirigenti scolastici per la presentazione di progetti didattici realizzati, in atto o in fase di elaborazione.

Educazione ai media, Educazione alla pace e alla mondialità progetti in atto presso l’ITIS Majorana di Genova.

Il laboratorio video: l’esperienza della scuola media Centurione progetto di Gianfranco Pangrazio

Genova 2004 La cultura dei diritti progetto della commissione per i diritti umani della Direzione Scolastica Regionale coordinato da Stella Acerno

Un linguaggio per la pace un’esperienza in atto al Buonarroti

12:30-13:30
relazione introduttiva e primi interventi

13:30-14:30
pranzo

14:30
ripresa dei lavori

18:00
conclusioni

Potrebbe interessarti anche: , La modernità nel mondo dei piatti doccia , Veicoli commerciali: tutti i vantaggi del noleggio , Volotea e Dante Aeronautical progettano un aereo ibrido-elettrico per brevi rotte , Volotea festeggia i 25 milioni di passeggeri con Viaggio su Marte e offerte , Offerta di lavoro: mentelocale.it cerca giornalisti e web content editor