Open the Top - Magazine

Cinema Magazine Venerdì 16 maggio 2003

Open the Top

Magazine - colpisce ancora e sforna l’ennesino spot. Nuova la birra, diverso il target cui lo spot è rivolto. La nuova immagine è quella di una bevanda per tutti perché più leggera e giovane. E anche questa volta è stata l’agenzia pubblicitaria , una tra le più importanti in Liguria, a realizzare questo “consiglio per gli acquisti” dedicato alla Top Pilsner, puntando a focalizzare l’immagine della bottiglia di birra più che a sottolineare l’atmosfera tipica dei precedenti spot . Quella notturna abitata dai famosi personaggi disegnati dall’illustratore genovese Enrico Macchiavello.

Si tratta di uno spot 30’’ che è girato su un unico piano sequenza, nel quale si concatenano diverse situazioni di consumo. Parola chiave: Open. In un museo dall’atmosfera new age, la steadycam indugia su un acquario, sfumando poi sull’esterno di un bar cittadino. La foto sulla copertina di un disco da modo alla telecamera di inventare una nuova situazione. Ora ci troviamo in un aeroporto. Tra la folla un ragazzo beve una Top Pilsner e la steady ruota attorno a lui per poi inserirsi nelle immagini di un cartellone pubblicitario. Un mercatino visto dall’alto e il quadro di un pittore rappresentante una ragazza vista di schiena. Che comincia a correre con la sua birra in mano, raggiunge un ragazzo e insieme stappano le loro bottiglie. Con il cavatappi? Certo che no. Open the Top, sprona il messaggio finale: tappo contro tappo e il gioco è fatto. In Danimarca, luogo di origine della birra Ceres, il metodo è già ampiamente collaudato.

Una voce recitante intensa e modulata accompagna le immagini insieme alla musica realizzata da Giancarmine Arena appositamente per lo spot Ceres. Arena non è nuovo al mondo della pubblicità. Sono sue le musiche e gli arrangiamenti di famosi spot televisivi, da quello della carta Scottex a quello di Disney Channel, poi quelle dei Ringo e della Kinder. Ha collaborato inoltre alla creazione delle musiche di alcuni film della Disney quali Monsters&Co e A Bug’s Life.
L’internazionalità del prodotto è sottolineata dall’uso della lingua inglese, che risulta comunque facile e comprensibile a tutti.
Le atmosfere calde e coinvolgenti sono quelle di Cuba, unica location dello spot. Numerosi, poi, gli attori e le comparse diretti da Paolo Monico, già regista di diversi cortometraggi, di iniziative editoriali de e di videoclip di alcune canzoni dell’ultimo album di Ligabue.

Potrebbe interessarti anche: , Bohemian Rhapsody: non la solita recensione del film sui Queen , Gli incredibili 2 e Bao ad Annecy 2018 e a settembre al cinema , Ralph spaccatutto: il sequel ad Annecy 2018 e al cinema , Festival di Annecy 2018: vincitori e premi. C'è anche l'Italia , L'animazione impegnata al Festival Annecy 2018: da Another Day of Life a Funan