Un libro per il Gaslini - Magazine

Un libro per il Gaslini

Attualità e tendenze Magazine Giovedì 15 maggio 2003

Magazine - C’era una volta…
L’Ospedale Pediatrico genovese tra i più famosi al mondo. C’era una volta un’oasi felice per i bambini che, pur nella malattia, vivono la degenza all’ tra volontari che cercano di strappare loro un sorriso e iniziative lodevoli e originali. Tra queste ricordiamo quella rivolta al soccorso delle vittime di guerra in collaborazione con Il .

Oggi ne segnaliamo una che vede protagonisti i libri. Un libro per sognare, un libro per sorridere e per addormentarsi sereni. Un libro per non aver paura, un libro per volare via dall’ospedale, sulle ali della fantasia, recita il volantino promozionale dell’iniziativa. Sognare e dimenticare il dolore anche se solo per il tempo di immergersi in una buona lettura.
Il Gaslini sta insomma mettendo in piedi una biblioteca interna riservata ai ricoverati. La Piccola Biblioteca conta già seicento opere. Il progetto è stato inaugurato il 9 aprile e vede la collaborazione del Gaslini e del . Quattrocento opere sono state acquistate dalla Civica Biblioteca Brocchi di Nervi con i fondi messi a disposizione dalla Circoscrizione IX Levante o donate dai vari editori contattati dalla Biblioteca De Amicis. Ma una biblioteca che si rispetti necessita di libri in grande quantità. Per questo l’Ospedale chiede il vostro aiuto. Basterà semplicemente acquistare e donare un volume presso le librerie che hanno aderito all’iniziativa: Feltrinelli, Mondadori, Assolibri, La Bottega del Lettore, Colombotto, Eusi, Fiera del Libro, Fieschi, Fnac, Il Libraccio, Mastrolibraio, La Metà del Cielo, Rizzoli e Voltapagina. È possibile consultare l’elenco delle opere selezionate dall’ospedale stesso e acquistare quella preferita. La si pagherà poi normalmente alla cassa, dove sarà impacchettata e riposta nel contenitore contrassegnato dal logo Un Libro per il Gaslini.
State poi certi che i vostri regali saranno ritirati da personale del Comune di Genova e consegnati al Gaslini da alcuni volontari.

«In un solo mese l’iniziativa ha riscosso un grande successo» spiega il dottor Martinoli, responsabile dell'iniziativa per conto dell'ospedale, «oltre cinquecento libri sono stati acquistati fino ad oggi, a sottolineare la grande sensibilità dei cittadini».
Chi partecipa all’iniziativa riceverà un segnalibro disegnato da alcuni piccoli degenti. Un modo per ringraziare, a sottolineare un gesto che può donare un sorriso ai più sfortunati.
Il progetto prevede poi una serie di iniziative rivolte ai bambini ricoverati, come la presentazione e la lettura di alcuni libri da parte degli educatori e l'avvio di progetti che introdurranno i piccoli nel mondo della pittura, della musica e della recitazione. Inoltre i bambini riceveranno una tessera per la biblioteca che potranno poi utilizzare in tutte le Biblioteche Civiche di Genova.
«Addirittura la scuola elementare II giugno di Borzoli ha organizzato una raccolta collettiva che ha coinvolto bambini, genitori e docenti, raccogliendo una cifra considerevole da devolvere alla Piccola Biblioteca», aggiunge Martinoli con motivata soddisfazione.
Attualmente il servizio è limitato alle Unità Operative di Clinica Pediatrica II, Nefrologia, Neuropsichiatria infantile e Ortopedia I, ma sarà presto esteso a tutto l’Ospedale.
La raccolta di libri avrà termine il 30 giugno.

Potrebbe interessarti anche: , Dal Comune di Milano 150 mila mascherine per medici, commercianti e taxisti , E-commerce farmaceutici: aumentano utenti e fatturato per Farmacia Italia , Imparare una lingua? Questione di cervello: gli effetti sulla mente e le strategie vincenti , Lievito di birra fatto in casa: la ricetta e gli ingredienti , L'orto ai tempi del Coronavirus: cosa seminare ad aprile, tra verdura e frutta

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!