Concerti Magazine Lunedì 6 febbraio 2017

Sanremo 2017, Ron con L'ottava meraviglia. Testo e pagella

SANREMO 2017: I BIG. TESTI E PAGELLE DELLE CANZONI IN GARA

PRIMA SERATA: I 10 MOMENTI MIGLIORI

Pubblichiamo di seguito la valutazione linguistica sui testi delle canzoni in gara a Sanremo 2017 di Lorenzo Coveri, professore di linguistica italiana all'Università di Genova, che si è occupato a più riprese del Festival.

Ricordiamo che la valutazione riguarda esclusivamente la parte linguistica. Un giudizio più motivato potrà essere dato solo dopo aver ascoltato la musica e assistito all’interpretazione dal vivo.

Magazine - RON - L'OTTAVA MERAVIGLIA (Cellamare-Del Forno-Caprara-Mangia)

Altro veterano del Festival (ben sei alle spalle, tra cui uno vinto nel ’96 con Vorrei incontrarti tra cent’anni), Ron (al secolo Rosalino Cellamare) ritorna con una ballata dedicata all’ottava meraviglia del mondo, che siamo io e te (si avverte un’eco di Jovanotti: il più grande spettacolo dopo il Big Bang / siamo noi, io e te). L’amore è un’isola di tranquillità nel mare dei problemi quotidiani: anche quando sono in coda / nella fretta di arrivare / fra polemiche alla radio / una casa nuova da desiderare / e stasera piove ancora / e stasera farò tardi / le giornate sempre corte / e io sempre meno giovane. E anche il linguaggio della canzone è quello di tutti i giorni, con qualche immagine meno banale: c’è una strada nel sempre / dove con te voglio andare. La lunga esperienza del cantautore pavese potrà fare il resto. Fiducioso.

Voto: 7

La mia vita è una candela
Brucerà lasciando cera
È la scena di un romanzo
Che non so come finirà
All’inizio un’altalena
Una storia una sirena
È la convinzione di raggiungerti
Anche in capo al mondo
Anche quando sono in coda
Nella fretta di arrivare
Fra polemiche alla radio
Una casa nuova da desiderare
E stasera piove ancora
E stasera farò tardi
Le giornate sempre corte
E io sempre meno giovane
Ma in fondo
L’ottava meraviglia del mondo
Siamo io e te... siamo io e te
In mezzo ai nostri pensieri
C’è una strada da fare
Da percorrere insieme
Su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
Nei miei occhi l’America
Nei tuoi passi l’Oriente
Fino a che non cadranno
Saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare
Per dividere il mondo e poi ricominciare
Un sentiero da esplorare
Che mi tiene ancora acceso
Scivolando sulla noia
Tu mi hai rialzato con la gioia
E arrivavo come un tuono
In ritardo come sempre
La tua luce un’anteprima
A quello che avrei detto
Che avrei fatto dopo
Ma in fondo
L’ottava meraviglia del mondo
Siamo io e te... siamo io e te
In mezzo ai nostri pensieri
C’è una strada da fare
Da percorrere insieme
Su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
Nei miei occhi l’America
Nei tuoi passi l’Oriente
Fino a che non cadranno
Saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare, andare, andare
Andare...
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare
Per dividere il mondo
E poi ricominciare... ricominciare

SANREMO 2017: I BIG. TESTI E PAGELLE DELLE CANZONI IN GARA

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour