Concerti Magazine Lunedì 28 aprile 2003

Genova capitale Hip Hop

Magazine - Touch Down, nello sport americano per eccellenza, il football, è la meta. Touch Down, a Genova, per tutta la giornata di mercoledì 30 aprile, diventa una delle principali jam della cultura hip hop italiana.

Quattro le forme d’arte e comunicazione che si sussegueranno durante la giornata: Mc-ing, Dj-ing, breaking, writing. Ovvero? «Ovvero la voce, i messaggi lanciati dal palco da un MC, la musica mixata da un DJ, il ballo dei rappers, la break dance e i pezzi disegnati sui muri metropolitani, cioè il writing» spiega Tiang, mc del gruppo hip hop genovese "I fratelli", tra gli organizzatori della giornata.

Questi quindi i pilastri della cultura rap, che trasposti nelle strade della città si divideranno in due filoni: il writing la mattina e la musica per il pomeriggio e la sera.
La terza edizione di Touch Down, infatti, si aprirà alle 10, quando una trentina di writers scelti tra i più rappresentativi artisti italiani, dipingerà il muro di via di Francia, a Sampierdarena, di fronte al magazzino AZ. Il muro allestito con uno sfondo bianco per l’occasione sarà dipinto e firmato, le tag, esclusivamente con spray che lo coloreranno con graffiti (guai a chiamarli così, nell’ambiente). Alle 15 inizia la seconda parte della manifestazione, quella musicale. Writers e rappers si trasferiranno al Blue Moon (p.le Marassi, 3r, dietro la gradinata nord dello stadio), per un pomeriggio e nottata di musica. Ospite d'onore, che suonerà da mezzanotte all'una, il rapper francese Busta Flex. Personalità di rilievo mondiale, Busta Flex ha un curriculum di tutto rispetto per un rapper cresciuto in Europa, a Sant Denis-Parigi, lontano dai ghetti di New York: tra i primi cinque rapper francesi, ogni suo disco vola in cima alle classifiche francesi e, di recente, ha firmato la colonna sonora del film Taxi 3 di Luc Besson. La serata proseguirà fino alle 4 del mattino.

Genova scelta come punto di riferimento della cultura hip hop? «A Genova siamo circa 500» spiegano Tian e Vivi, esperta di break dance «in Italia la cultura rap, dopo i primi arrivi all’inizio degli anni ’90 e la successiva esplosione del fenomeno di moda, sembrava essere in calo. Oggi, anche per un ricambio generazionale, si sta risollevando e gli mc riescono ad emergere e a raggiungere la popolarità». Niente a che vedere con gli States o la Francia, da cui arriva proprio Busta Flex, dove esistono canali tematici televisivi e radiofonici dedicati all’hip hop. In Italia, da poco, ha aperto per la seconda volta la redazione di Groove, la rivista specializzata in italiano (il magazine americano del settore è The Source, il Time dei rappers), ed esistono anche libri completi di immagini e dedicati alla cultura hip hop come Spray Art (Fabbri Editori).

Per chi volesse partecipare alla jam esistono convenzioni per posti letto e buoni pasto.
Info: 347/9386426 - 3333656523 oppure -
L’ingresso per la serata al Blue Moon costa 15 Euro con consumazione.

(nella foto Busta Flex)

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Animali fantastici e dove trovarli Di David Yates Fantastico U.S.A., Regno Unito, Palestina, 2016 1926. Newt Scamander ha appena terminato un viaggio in giro per il mondo per cercare e documentare una straordinaria gamma di creature magiche. Arrivato a New York per una breve pausa, pensa che tutto stia andando per il verso giusto…se non fosse... Guarda la scheda del film