Magazine Sabato 19 aprile 2003

Il vizio oscuro dell'Occidente

Magazine - È una recensione, non un giallo. Posso quindi svelarvi subito l'assassino: il "vizio oscuro dell'Occidente", secondo Massimo Fini, è la convinzione di vivere nel "migliore dei mondi possibili", di aver definito il modello economico, sociale e religioso che meglio si adatta alla natura umana. Da questo errore di fondo ne discendono altri, e poi altri ancora, fino a giustificare la guerra all'Iraq perché, pur nella sua ingiustizia, porterà alla "liberazione" di quel popolo dall'arretratezza, e consentirà loro di raggiungerci nel nostro meraviglioso moderno.

Si legge in un'ora, questo Vizio Oscuro, e ha il tono di una chiacchierata con un amico informato e appassionato. Si legge in poco tempo, ma di spunti per riflettere ne dà tanti. Il nostro modello (quello che riteniamo di dover esportare) si basa sul consumo fine a se stesso, slegato dal bisogno e sempre più generato solo dal desiderio, dall'impulso, dalla noia. Consumiamo e basta, senza neppure interrogarci sull'utilità del nostro gesto, su quanto effetivamente ci farà stare meglio.

Tra il tempo che ci vuole a guadagnar soldi e quello che impieghiamo a spenderli, ne resta ben poco per dettagli quali la procreazione, l'amore, l'amicizia, la solidarietà.

Nella nostra foga di sviluppo travolgiamo interi continenti, sconvolgendo dinamiche demografiche e sociali che garantivano l'equilibrio da migliaia di anni. In Africa, prima della colonizzazione, non si soffriva la fame: il 100% del fabbisogno alimentare era soddisfatto dai prodotti locali. Ora la produzione è in mano ai grandi latifondisti, che preferiscono vendere sul "mercato internazionale" piuttosto che all'interno. È la logica del denaro, che mette la valuta forte, prima dell'uomo. Il risultato è che i due terzi della produzione mondiale di cereali sono destinati all'alimentazione degli animali dei paesi ricchi - e, ora sì, si muore di fame.

Invece di provare vergogna, ci vantiamo di averli aiutati a muovere i "primi passi" sulla strada del progresso. Invece di pensare a ritirarci, ci convinciamo che la soluzione sarebbe prenderci carico in modo ancor più diretto delle loro decisioni, suggerendo che il modello (perfetto) non funziona perché loro non lo sanno applicare, o sono corrotti, o non sono adatti. Ma ciò che è peggio è che se invece riuscissero a replicare la nostra accelerazione, si troverebbero in un vicolo cieco: il pianeta non può sostenere un "Nord" di sei miliardi di persone. Il viaggio sarà lungo e -a proposito- la stazione d'arrivo non esiste...

Lasciamoli al loro destino, dice Fini (e se leggendo questa frase avete pensato ad un destino negativo, siete vittime anche voi del nostro "vizio").

Nel dilagare di questo pensiero unico, si respira l'aria delle crociate: noi, portatori della verità, loro, "infedeli".
Fini cita Bush: "C'è un solo modello possibile: la libertà, la democrazia e l'impresa, valori che devono essere protetti ovunque" (e di frasi del genere è pieno il recente Stato dell'Unione, da "In Afghanistan, we helped liberate an oppressed people. And we will continue helping them secure their country, rebuild their society, and educate all their children, boys and girls" a "Once again, we are called to defend the safety of our people, and the hopes of all mankind. And we accept this responsibility" fino a "And we go forward with confidence, because this call of history has come to the right country" e la chicca di "The liberty we prize is not America's gift to the world, it is God's gift to humanity").

Facciamo veramente il bene di questi popoli? O -parafrasando il Mefistofele di Goethe- ci crediamo il Bene e operiamo eternamente il Male?

L'attacco all'Iraq è il prodotto della nostra civiltà, e del suo "vizio oscuro": chi è favorevole, in fondo, crede di fare un favore agli iracheni. Chi è contrario farebbe bene a guardare oltre il dito e vedere la luna -nera- del nostro modello, lacerante e autodistruttivo.

Paolo Miscia

Il Vizio Oscuro dell'Occidente - Manifesto dell'Antimodernità
Massimo Fini
Marsilio - Collana "i Grilli"
6 Euro

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film