Magazine Mercoledì 16 aprile 2003

Il punto dove piove di più

Magazine - Dodici giorni di pioggia battente.
Poche soste, nessun beneficio del dubbio è dato alle speranze.
Ormai siamo tutti abituati a tirare giù dal letto ogni mattina l’umore appropriato, non c’è niente di strano quindi se anche oggi mi sento un filo scazzato, procede tutto secondo programma.
Come ogni giorno mi ritrovo a dover camminare sotto il fuoco incrociato delle gocce, a portare sulle spalle tutto il loro peso… perché c’è sempre qualche cosa da fare, o così vogliono farmi credere.

Il fatto è che c’è un punto, poco lontano dalla sinagoga, dove piove di più.
È una striscia che attraversa la strada per il tempio, un serpente mestruato, un multistrato d’acqua battente e fitta almeno tre volte più della pioggia tutto intorno.
In alto, a provocarla, nessuna grondaia, nessun ponteggio, nessun altro divino intervento umano, soltanto cielo.

(Non so bene cosa c'entri ma la cosa più sicura al mondo è la morte)

Filo Q

di Daniela Carucci

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione