Magazine Mercoledì 28 settembre 2016

«Mi sembra che lui guardi le altre. Che fare?»

Uomo che guarda le altre ragazze
© Shutterstock

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve!
Ho 28 anni ed ho una relazione da due.. Mi reputo una bella ragazza, ma ho un forte problema: quando esco con il mio ragazzo penso sempre che lui guardi le altre. Come posso risolvere questa situazione piuttosto spiacevole?

Tatiana

Buongiorno Tatiana,
la ringrazio di aver scritto. La ringrazio perché, pur presentando il suo problema, scrivendo solo poche righe, mi dà la possibilità di risponderle, parlando e analizzando, le tante variabili e punti di vista diversi, che possono concorrere nel creare aspetti critici della nostra esistenza.

Intanto vorrei capire una cosa: lei pensa o nota che il suo ragazzo stia guardando altre ragazze? Sembra una distinzione da niente ma ha la sua importanza.

Mettiamo che sia vero che il suo ragazzo guardi le altre, resta il fatto che questa del guardare le altre è una definizione troppo generica, che lascia spazio a tante interpretazioni diverse tra loro. Sarebbe importante sapere come e quando e quanto effettivamente lo fa. Ad esempio: esagera? Si volta per guardarle? Si fissa? Ecco, se davvero si comporta così,magari non è un segno di crisi tra di voi o di disistima, ma sicuramente è, come minimo, un segno di maleducazione (e lei farebbe bene a risentirsi).

Oppure può essere che semplicemente le guardi perché entrano nel suo campo visivo? In questo caso direi che siamo nella normalità, più o meno come se guardasse un vestito in una vetrina o una super moto o un’auto sportiva, mentre attraversa la strada (e se passa una Ferrari rossa la si nota eccome, anche se non si pensa di comprarla). In questo caso stiamo parlando di semplici riflessi (sempre che non si fermi a guardare tutte le macchine che passano).

E credo che anche lei, in questo modo, guardi gli uomini ed anche le donne (e penso che anche a lei capiti di farlo senza secondi fini)
Ma in realtà, nella sua mail scrive come se fosse lei stessa a pensare che lui stia guardando le altre.
Questo suo pensare cambia tutta la prospettiva, perche non è detto che lui lo stia facendo davvero.
Ma anche se fosse lei a pensarlo (e dunque a temerlo o a darle fastidio) ci sono diversi livelli di spiegazione.

Può essere che lei subisca il fascino di vecchi slogan tipo se ti ama ha occhi solo per te (in questo caso è meglio che non si metta alla guida) oppure che sia l'onda lunga di antichi condizionamenti (culturali o familiari o entrambi) che la spingono ad essere diffidente a prescindere, nei confronti degli uomini (come compagni) e dunque ad avere una accentuata sensibilità ed una iper attenzione, anche ai minimi dettagli o persino alla sola ipotesi che vi siano dei dettagli.

Arrivando cosi ad esasperare la situazione e il suo sentire e dunque a pensare che lui guardi le altre.
Perche mai dovrebbe essere un problema? Ha forse paura che le ritenga più interessanti di lei?
A proposito, lei dice di reputarsi una bella ragazza, ma forse, sotto sotto, non lo crede davvero, ovvero, anche se pensa di essere bella teme di avere qualche aspetto di sè (più o meno evidente) che reputa non altrettanto bello. Un aspetto che potrebbe riguardare la vostra relazione e non tanto la sua bellezza.

Un aspetto di cui lei stessa non è del tutto soddisfatta o convinta. E che teme che possa non piacere anche al suo compagno e quindi spingerlo a guardare altrove.

Come vede, la sua semplice domanda, apre una vasta serie di possibili interpretazioni. E forse non le ho citate neppure tutte.
Dunque?

Ecco, vediamo di semplificare: alla fine ci sono solo due grandi possibili strade da intraprendere, una esterna e una interna.
Quella esterna riguarda il suo ragazzo. Se lui, davvero, guarda le altre in modo esagerato o sfacciato, credo che dovrà dirgli, gentilmente, ma fermamente, di smetterla.

Quella interna riguarda lei stessa. Se lei pensa che il suo ragazzo guardi le altre (ma lui, in realtà, non lo fa in modo inopportuno) allora la invito a fare un lavoro su se stessa (meglio se con l'aiuto di uno psicologo -psicoterapeuta) per portare alla luce le sue più o meno giustificate insicurezze (personali o relazionali) per poi riuscire a superarle.

In modo da poter vivere un sereno rapporto di coppia in un mondo dalle mille (piccole) distrazioni.

Spero di esserle stato d' aiuto,
Saluti

Dott. Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mental Coach
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Ant-Man and the wasp Di Peyton Reed Azione U.S.A., Regno Unito, 2018 Scott Lang deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Mentre è impegnato a gestire la sua vita familiare e le sue responsabilità come Ant-Man, si vede assegnare una nuova e urgente missione da... Guarda la scheda del film