Concerti Magazine Venerdì 4 aprile 2003

Rombo elettronico su Genova

Siete pronti a sudare? Già, perché sabato 5 aprile al Palasport farà molto caldo. E soprattutto ci sarà molto da muoversi, da ballare, da fare casino. Alle 21 tornano i Subsonica (affiancati, in veste di gruppo di supporto, dai Mambassa), e sarà impossibile tirarsi indietro di fronte alle malie del loro pop elettronico pieno di tormentoni melodici. Il nuovo tour, partito il 12 marzo da Faenza, arriva a Genova rodato dai concerti di Padova, Pordenone, Brescia, Marino, Jesi e Parma. La band torinese non si risparmia: trova la sua migliore espressione sul palco, come dimostrato dall'ultimo lavoro, , un doppio album live (ma venduto al prezzo di un cd solo) che raccoglie i più grandi successi di Samuel, Boosta e compagni.

On stage e on the road, sono indubbiamente queste le dimensioni che più si addicono al gruppo. Si sente che i Subsonica si divertono come pazzi a girare l'Italia, a suonare e a stare a contatto con la gente. Una semplice verifica: leggete sul loro il diario di bordo, l'aggiornamento in tempo (quasi) reale delle loro giornate: i viaggi in macchina, l'adrenalina, la risposta del pubblico, la stanchezza e le notti impegnative degli after-show, gli incontri e le città visitate. Ma anche l'amarezza per la guerra, la rabbia, la presa di posizione decisa dal palco.

Un palco dove i Subsonica hanno deciso di fare le cose in grande: effetti speciali non solo sonori (si segnala una intro al concerto ricavata dai rumori di quotidiana tecnologia: modem, fax, cellulare…), ma anche visivi. Quindi proiezioni di video ad accompagnare le canzoni, ma anche un omaggio ad Elio Petri, regista misconosciuto, militante e forse troppo impegnato e troppo bravo per poter continuare a lavorare: la band torinese inserisce il tributo a Petri nel contesto di un altro omaggio, quello a Ennio Morricone, autore di tante celeberrime colonne sonore. Altre novità: qualche diavoleria ideata dal Ninja per produrre una strana eco della sua batteria, per cui in determinati tratti per ogni sua battuta sui tamburi se ne sentiranno tre. Samuel, per contro, ha deciso di non aggiungere altri microfoni alla sua ricca dotazione (al , se non ricordiamo male, eravamo rimasti a tre).

E poi ci sono le canzoni: qualche escursione nelle esperienze extra-soniche di Samuel (Motel Connection), gli inediti dell'ultimo album (L’errore, Livido amniotico, Non chiedermi niente) e i vecchi (si fa per dire) successi, da Cose che non ho a Colpo di pistola, da Tutti i miei sbagli a Nuvole rapide, da Liberi tutti a Nuova ossessione, passando per Disco labirinto, Liberi tutti e Radioestensioni, per un totale di due ore da perdere la voce e tornare a casa con le orecchie che ti ronzano e la voglia di rivederli presto, perché già un po' ti mancano.

E per quelli che vogliono incontrare da vicino i loro beniamini (o non riuscissero a trovare i biglietti per il concerto: 11.50 euro più prevendita), l’appuntamento è alle 16.30 al Ricordi Media Store di via Fieschi, dove i Subsonica incontreranno il pubblico e firmeranno autografi. Per i nottambuli, invece, after-show a Le Stanze del Vescovo (ex Maddox), in via XII ottobre a partire dalle 23.30 circa.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

A star is born Di Bradley Cooper Drammatico, Musicale U.S.A., 2018 Il musicista di successo Jackson Maine scopre, e si innamora della squattrinata artista Ally. Lei ha da poco chiuso in un cassetto il suo sogno di diventare una grande cantante... fin quando Jack la convince a tornare sul palcoscenico. Ma mentre la carriera... Guarda la scheda del film