Magazine Mercoledì 2 aprile 2003

Il Salotto del libro, prima giornata

Magazine - Ha preso il via oggi, martedì primo aprile, alle 17 la terza edizione del Salotto del Libro di Genova.
Sul palco dell’Auditorium Montale del Teatro Carlo Felice, fino a sabato 5 aprile, si alterneranno, intervistati da giornalisti e personaggi della cultura genovese, autori classici a nuove scoperte dell’editoria italiana, come Luciana Littizzetto, ospite speciale per la serata di giovedì 3 aprile alle 21.

spiega durante l’inaugurazione di fronte alle autorità Carla Peirolero, che insieme a Valentina Arcuri, è l’organizzatrice della manifestazione.
L’affluenza di pubblico, soprattutto e per fortuna giovane, per la giornata dell’inaugurazione, non è mancata. Probabilmente anche grazie all’annunciata e poi annullata presenza di Simona Vinci, che con i suoi 33 anni è una delle più giovani scrittrici di successo italiane, e degli Altera, gruppo rock genovese sempre attento a mescolare in maniera colta letteratura e poesia al rock d’autore.
A causa del giustificato forfait della Vinci, in questa prima giornata di Salotto il pubblico si è concentrato sull’altra ospite della giornata, Teresa Buongiorno. Giornalista Rai e scrittrice, al Salotto del Libro ha presentato insieme al professor Pino Boero il suo ultimo romanzo per ragazzi, edito da Salani Il ragazzo che fu Carlo Magno cogliendo anche l’occasione per affrontare il tema dell’approccio alla scrittura e alla lettura per i più giovani.
L’appuntamento di domani è con le Poetesse al Salotto, alle 17, insieme ad Alda Merini.

(nella foto Teresa Buongiorno e Pino Boero)

di Enrico Ratto

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione