Magazine Mercoledì 6 luglio 2016

Vuole un momento per stare da solo. Che fare?

Ragazza
© Shutterstock

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Ciao Marco,
sono in una situazione che nemmeno io capisco.
Dopo quattro anni in cui sono stata felicemente single, ho incontrato un ragazzo. Sai, uno di quelli che, quando pensi che non esistano più uomini normali, ti fa cambiare idea. La nostra storia è partita con tanta calma, ma con tanta passione.

Non mancava mai di mandarmi un messaggio di buongiorno ogni mattina e la sera lo stesso, prima di andare a dormire mi arrivava sempre un messaggio di buonanotte.

Mi cercava sempre. Le cose tra di noi fin dal primo momento sembravano funzionare come se fossimo insieme da una vita. Serata intere passata insieme a parlare, ridere, scherzare o vedere un film. Insomma la normalità tanto desiderata da tutte e due le parti.

Poi è arrivato il disastro: lui piano piano ha iniziatao ad avere gravi problemi al lavoro (fa un lavoro molto particolare con molta responsabilità). Ha iniziato a non dormire ed essere molto pensieroso e stressato, ma non mi ha mai fatto pesare questa cosa, anzi ha condiviso moltissimo tutti i suoi problemi, ed io ero felicissima ad ascoltare perché per me era cosi bello condivere anche questo e provare ad affrontare tutto insieme.

Poi un giorno da improvviso mi scrive un messaggio (il giorno dopo aver passato un ponte insieme in viaggio in tranquillità assoluta) dicento che io non c'entro niente, ma lui non è tranquillo con se stesso, non vuole fare casini nella sua vita e gli serve un attimo per stare per fatti suoi.

Specificando che questo non è un addio, non significa che non mi vuole più vedere, ma gli serve starsene un po’ da solo.

Io ovviamente ho compreso che era un periodo molto difficile per lui e mi sono allontanata, ma dopo una settimana mi andava di mandargli un messaggio, perché ero un po’ preoccupata di non sapere come stesse.

Ma lui non mi ha risposto... Adesso sono confusa e non so più che pensare. Scrivere e litigare, lasciare stare, fargli capire che mi deve rispettare e che anche io ho dei sentimenti? Non lo so! ti prego dammi un consiglio!

Subova

Ah Subova,
la ringrazio di aver scritto e della stima . Mi chiede un di darle un consiglio, ma non credo che sia ciò di cui ha veramente bisogno.

Purtroppo a dare consigli agli altri, sono bravi tutti! E tutti questi consigli potrebbero non essere del tutto opportuni visto che come recita un detto: la calma e la saggezza sono le virtù di chi non è coinvolto. E chi non è coinvolto spesso parla a sproposito.

Io spero, invece, di esserle d' aiuto a capire meglio la situazione che sta vivendo e trovare, lei stessa, la cosa migliore da fare.

Della sua storia posso solo dire che capisco come mai lei si senta confusa e disorientata sul da farsi.
Infatti è molto strano che, nelle relazioni, le cose cambino radicalmente e accadano di colpo, senza alcun preavviso. Come racconta lei.
Per spiegare questi cambiamenti cosi netti tutte le varie spiegazioni si riducono a tre ipotesi principali, ovvero:

A - Quel fantastico prima, in realtà non era tutto vero.
B - Sono stati trascurati o ritenuti non importanti, alcuni segnali premonitori.
C- È accaduto qualcosa di realmente imprevisto e catastrofico ma estraneo alla vostra relazione, tale da far cambiare la persona e la relazione.

Allo stato attuale mi sembra di capire che né lei, né tantomeno io, abbiamo elementi per capire cosa sia realmente accaduto tra di voi o solo al suo compagno.
E la mancanza di comunicazione non aiuta certo a sciogliere i dubbi.
Dunque che fare?
Credo che l’unica cosa che lei possa fare, sia quella che lei sta già facendo: continui a inviargli messaggi (senza esagerare, tipo uno a settimana?) per fargli sapere che lei c'è!

Nella speranza che lui risponda e chiarisca, prima che lei si stufi di aspettare un fantasma.

Saluti

MarcoEmilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mental Coach
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Comizi d'amore Di Pier Paolo Pasolini documentario Italia, 1964 Inchiesta su amore e sesso nell'Italia degli anni '60, composta da un prologo (P.P. Pasolini che discute con A. Moravia e C. Musatti), e quattro capitoli 1) Grande fritto misto all'italiana; 2) Schifo o pietà; 3) La vera Italia?; 4) Dal basso e... Guarda la scheda del film