Magazine Mercoledì 1 giugno 2016

Sono moglie e madre, ma amo un'amica. Che faccio?

Amore omosessuale
© Shutterstock

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve,
sono sposata, ho due figlie grandi e mi sono innamorata di una mia amica...Che fare?

Tamara

Buongiorno Tamara,
Lei riassume la sua vita in due righe e poi pone una domanda che immagino abbia una connotazione fortemente esistenziale.
Dunque, pur immaginando che il suo dubbio sia di piu ampio respiro, non posso fare altro che risponderle, inizialmente, in due righe: Che fare con un marito, due figlie grandi ed un innamoramento per una amica donna? Semplice! Continui a fare, contemporaneamente, la moglie, la madre e l'amante di una amica donna.

Possibilmente, cercando di mantenere in equilibrio queste sue diverse versioni di se stessa, senza fare troppi danni a nessuno.

Come vede la sua domanda era semplice così com'è semplice la risposta.
Quello che è un po meno semplice è lo svolgimento di questa risposta. Ed a questo punto il discorso diventa un poco più articolato e necessita di un approfondimento.

Intanto vorrei premettere che do per scontato che considero lei e tutti i componenti della sua storia, della brave persone e che il suo amore sia corrisposto.
Così il dividere il suo amore tra più persone non dovrebbe sorprenderla più di tanto. In fondo immagino che lei abbia una buona opinione di se stessa e si ami. Questo non le ha impedito di amare suo marito. E l' amore per suo marito non le ha impedito di amare la sua prima figlia. Così come l'amore per la sua prima figlia non le ha impedito di amare la sua seconda figla.

Dunque, dato che lei gia ama se stessa, ama suo marito, ama la sua prima figlia e ama la sua seconda figlia non c'è da stupirsi che lei possa amare anche un' altra persona anche se donna (anche le sue figlie lo sono).

Se mai il problema è come suddividere tutti questi amori senza creare troppo scompiglio e mantenendo una buona armonia con tutti e cinque.
Operazione certo non facile e, purtroppo, non conoscendo niente di lei, ne della sua situazione, non sono neppure nella condizione di avanzare dei suggerimenti che possano avere un senso ed una attinenza alla realtà.

Forse aggiungendo maggiori dettagli al suo racconto le cose potrebbero apparire più chiare e le mie considerazioni più calzanti.
Ma come dicevo all'inizio, lei ha riassunto in due righe la sua vita, non credo che sia possibile risponderle più di così senza sconfinare nel fantasy.

Saluti,
Dott.Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

La vita è facile ad occhi chiusi Di David Trueba Commedia Spagna, 2014 Spagna, 1966, in pieno regime franchista. Un professore che usa le canzoni dei Beatles per insegnare l’inglese ai suoi alunni viene a sapere che John Lennon si trova in Almeria (Andalusia) per girare da attore il film “Come ho vinto la guerra”.... Guarda la scheda del film