Magazine Mercoledì 9 marzo 2016

Thor Heyerdahl, un esploratore norvegese in Liguria

Gibuti 1977. Heyerdahl dà fuoco al suo Tigris per una protesta contro tutte le guerre
Altre foto

Magazine - Erano anni che volevo uscire ad Andora, sull'autostrada Genova-Ventimiglia, che frequento spesso per andare a trovare mia mamma a Sanremo. Sulla sinistra prima dello svincolo, un castello e una chiesa in alto sulla collina, circondati dal verde, illuminati di notte. Ottima idea: il borgo che si raccoglie intorno a Andora Castello è molto accogliente, con case in pietra ristrutturate con cura. Mi metto a chiacchierare con una persona del posto e mi ricorda che lì vicino c'è Colla Micheri. Mi si accende una lampadina, mi viene in mente il mitico Thor Heyerdahl, esploratore e antropolgo norvegese, nato nel 1919 e morto nel 2002 a Colla Micheri. Aveva scelto di trascorrere gli ultimi anni della sua vita proprio lì, tra Andora Castello e il mare. Mi riprometto di andarci presto.

Heyerdahl è ricordato soprattutto per aver attraversato, nel 1947, il Pacifico a bordo di una zattera costruita con materiali semplici, il famoso Kon-Tiki. Ecco altri suoi pensieri straordinariamente contemporanei: «Grazie allo studio del passato voglio dimostrare che siamo una sola razza sulla terra, e che dobbiamo imparare a vivere in pace e in armonia» oppure «Si chiama progresso quando una quercia secolare viene abbattuta per fare spazio per un cartello stradale?». In così poche parole la sintesi di una mente aperta, che in tempi non sospetti tocca problematiche oggi scottanti, come l'ambiente o il razzismo, nonché quello delle centinaia di migliaia di profughi che stanno facendo pressione ai confini dell'Unione Europea.

Pochi mesi dopo, ad Oslo, scopro che nella penisola di Bygdøy proprio sul fiordo - ci sono andata lo scorso agosto - c'è il Kon-Tiki Museet, un'esposizione permanente a lui dedicata, con le sue imbarcazioni originali, le sue gesta ben descritte, foto e video che raccontano le sue straordinarie avventure, e tutti i folli itinerari da lui percorsi per mare. Ormai lo sapete quanto mi piacciono le mappe e i percorsi. Esco dal museo, contenta di aver incontrato un uomo di questo genere. E di aver conosciuto meglio la sua vicenda umana. L'ultimo pannello esposito recita questa frase: «Di confini non ne ho mai visto uno. Ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone»: una frase fulminante e attualissima.

Accade così che il mese scorso, mentre sto andando a Sanremo, esco di nuovo a Andora, diretta a Colla Micheri. Mi accoglie un parcheggio tra i più ben tenuti, poi una piazzetta sorridente, e un cartello turistico che racconta come il recupero di questo minuscolo paese è partito grazie a Thor, mi piace chiamarlo semplicemente così. Entro nella trattoria e chiedo quale sia la casa dove abitava, so che ci vivono ancora i parenti. L'oste molto gentile mi accompagna, suona il campanello, guarda se c'è l'auto della figlia, ma niente, oggi non ci sono. Pazienza. Ci consiglia poi di incamminarci sulla collina verso Capo Mele, dove sono custodite le ceneri di Thor Heyerdahl.

Detto fatto, cominciamo a salire verso il crinale. Una pineta sul mare, con Alassio e la Gallinara che sbirciano tra gli alberi. La giornata è un po' uggiosa, ma rende il pellegrinaggio ancora più intimo. Eccomi qui, ora, di fronte alla tomba di Thor, il suo nome inciso su una pietra, la sua data di nascita e di morte, e il Kon-Tiki sull'Oceano. Le onde minacciose del mare e il cielo di un blu scolorito. I suoi resti sono inseriti all'interno di una cerchia formata da pietre, e guardano direttamente il mare e la baia di Alassio. Mi vengono in mente le parole che lui stesso ha scritto: «Ho passato la mia vita ad esplorare il mondo, ma quando giunsi in questo luogo non ebbi esitazioni: la mia casa sarebbe sorta in questo piccolo paradiso». Ed è bello essere qui in questo momento, senza il sole cocente che ti scalda il cervello, vicino alla tomba di un uomo che ha attraversato gli oceani su fragili imbarcazioni. Con la volontà di dimostrare al mondo incredulo che gli esseri umani sono tutti uguali e che, già prima della scoperta delle Americhe, si muovevano per i mari, spinti dal desiderio di conoscenza. Lasciamo Thor e proseguiamo la camminata, in cima al crinale una torre saracena, poi un lungo percorso in piano, che giunge ad un nucleo di case nuove e scende verso una base militare con un gigantesco radar.

Tra le tante avventure di Thor ce n'è una che voglio ricordare, in particolare. All'età di 58 anni, con il Tigris, si mette in mare per una volta ancora, con l'intenzione di dimostrare che l'Egitto, la Mesopotamia e l'India erano in contatto fin dai tempi antichi. Una delle tante guerre del Corno d'Africa blocca il Tigris e la spedizione a Jibuti, proprio all'ingresso del Mar Rosso. Thor dà fuoco alla sua imbarcazione in segno di protesta contro la vendita delle armi da parte dei paesi ricchi ai paesi poveri.

Riposa in pace Thor Heyerdahl in cima a Colla Micheri, se fossero tutti come te non ci sarebbero più guerre, né profughi. Me ne vado via serena al tramonto, nella foschia di febbraio, contenta di essermi soffermata a meditare su tutto ciò che potrebbe essere, ma non è.

LO SPUNTO DI LAURA GUGLIELMI
Tutti i mercoledì su menteloc
ale.it
Lo spunto di Laura Guglielmi
è anche su Facebook, iscriviti al gruppo.

Potrebbe interessarti anche: , A Venezia si mangia bene: i consigli per bere un buon spritz o scegliere un'osteria. I tempi son cambiati , MAB Unesco: sul Delta del Po un Forum con 300 giovani di 90 paesi. Per salvare il pianeta , Zerocalcare e Roberto Recchioni: ecco come trattano le donne nei loro fumetti , Ecco perché Marsiglia è affascinante. Dovete andarci almeno una volta nella vita , Ad Arles sulle tracce di Van Gogh. E altre cose da fare nella capitale della Camargue

Fotogallery

Oggi al cinema

Zanna bianca Di Alexandre Espigares Animazione Francia, Lussemburgo, U.S.A., 2018 L’avventura che ha emozionato intere generazioni, per la prima volta in una straordinaria animazione anche in 3D. Guarda la scheda del film