Magazine Mercoledì 5 marzo 2003

Processi in libreria

Nel film del 1990 diretto da Martin Scorsese, i componenti di una banda specializzata in furti, estorsioni e contrabbando usavano chiamarsi fra loro "bravi ragazzi". Non credo sia un caso se il nuovo libro di Peter Gomez e Marco Travaglio si intitola proprio allo stesso modo. Un libro sui tre processi che vedono indagati, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e l’avvocato Cesare Previti, cioè il caso Sme, quello Mondadori e quello Imi-Sir.

Così, pochi giorni prima della decisione della Cassazione di non trasferire i processi da Milano a Brescia, con tutto quello che ne è derivato (la finta conferenza stampa del premier, in odore si dittatura sudamericana) è arrivato in libreria, per i tipi degli Editori Riuniti, una ricostruzione minuziosa, cronologia, dei tre processi e delle infinite manovre per farli saltare, arricchita dal testo completo della requisitoria, finora inedita, del pm Ilda Boccassini, nella trascrizione ufficiale del Tribunale di Milano e dell’autodifesa di Previti & C. E poi i verbali di Stefania Ariosto, le carte svizzere, gli interrogatori di Previti, Pacifico e Squillante, la sentenza di prescrizione per il Cavaliere, il dossier Mancuso sul presunto “ricatto” a Palazzo Chigi, la richiesta di trasferire i processi da Milano a Brescia. E infine le leggi-vergogna che hanno scandalizzato l’Italia e l’Europa: rogatorie, falso in bilancio, Cirami.

“Un altro libro che, in un paese normale", scrivono gli autori, "nessuno penserebbe mai di scrivere perché la televisione avrebbe già raccontato tutto a tutti, in diretta”. Una Toghe Sporche Story con personaggi e interpreti, che possono sembrare inventati. “Quando portiamo in scena lo spettacolo Le carte dei processi", continuano Gomez e Travaglio, "con attori che leggono semplicemente i verbali degli interrogatori, la gente domanda se ci siamo inventati tutto. Ci piacerebbe tanto. Ma è tutto autentico, tutto testuale. Come i documenti pubblicati nel libro”.

Possono servire come compendio al libro Bravi ragazzi gli articoli pubblicati da Nando Dalla Chiesa sull’Unità, il Popolo e Rinascita, raccolti adesso in un unico volume da Filema. Articoli sul tema della giustizia, pensati e scritti in tempo reale, per raccontare le vicende parlamentari che hanno segnato un intenso anno di dibattiti e di confronto a volte molto duro, vissuti in presa diretta da lui che è senatore. Si ritrovano così il falso in bilancio e le rogatorie, Previti e Dell’Utri, Cirami e Berlusconi, le riforme della giustizia e le condizioni delle carceri, la convivenza con la mafia e i pianisti del Senato. Un utile riassunto di quello che l’autore considera “il classico annus horribilis, che si pianta negli annali a segnare la cifra di un’epoca, di una civiltà politica”.

Certo, gli autori sono schierati, militanti, di parte. E se può sembrare che da un lato Gomez e Travaglio abbiano già scritto una loro sentenza, dall’altro l’impegno civile per la giustizia e la legalità di Dalla Chiesa traspare chiaramente in ogni sua pagina. La lettura dei due libri può procedere benissimo contemporaneamente, perché entrambi rivelano gli aspetti a volte sconosciuti per inadempienza (voluta?) dei media di vicende delicate e importanti per il nostro paese.

Gabriele Di Totto

Bravi Ragazzi
Peter Gomez - Marco Travaglio
Editori Riuniti
pp. 382
14.00 euro

La legge sono io
Nando Dalla Chiesa
Editrice Filema
pp. 141
10.33 euro
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Pupazzi senza gloria Di Brian Henson Azione, Commedia, Crimine U.S.A., 2018 Guarda la scheda del film