Weekend Magazine Giovedì 14 dicembre 2000

L’Acquedotto della Val Bisagno. Parte I.

Magazine - Chilometraggio: 6 km fuoristrada sull’acquedotto, più 4 km per il ritorno in statale. Dislivello circa 200 mt, in massima parte sulla salita iniziale.
Si tratta di un tragitto adatto a tutti, con dislivello ridotto e su fondo variabile che comprende anche un po’ di asfalto. Si parte dal cimitero Staglieno presso l'entrata principale.
Procedete verso destra sino alla fine delle mura. Qui svoltate subito a sinistra e cercate Via delle Gavette, un viottolo che passa a destra della Salita alla Chiesa di Staglieno. Sempre avanti tra le case lungo un tratto in saliscendi per poi sboccare sulla strada più grande, ancora Via delle Gavette. E’ l’unico pezzo di salita, ma dopo qualche curva, in meno di un chilometro, sarete arrivati alla Chiesa di San Bartolomeo di Staglieno. Da qui prendete il vicolo a destra alle spalle dell’edificio ( ci sono quattro gradini da fare e subito una curva a sinistra, poi la strada costeggia un campetto da calcio, vedi foto media. ) Continuate sempre avanti, su cemento, sterrato e dopo un po’ sulle lastre di ardesia sino alla strada asfaltata, Via Trensasco. Da qui si scende per 50 mt fino a che sulla destra non si incontra una breve scalinata che conduce nuovamente sul percorso.
Continuando si supera “Fossato Cicala”, uno dei tratti più suggestivi, e si procede spediti, ma non troppo, sulla pietra. In questo tratto infatti possono mancare alcune delle lastre di ardesia, con relativo fossato sottostante. Inoltre a volte manca la ringhiera e si rischia una caduta spettacolare.
Pedalate ancora per qualche km sempre sulle ciappe ( se avete dubbi non disperate, seguite sempre le lastre di ardesia: non si può sbagliare ) e dopo poco incontrerete una strada asfaltata.
Da qui è possibile tornare indietro per il percorso descritto oppure scendere verso il basso, lungo il Bisagno. Dopo qualche chilometro di asfalto si arriva nuovamente a Staglieno. Se volete andare sul sicuro portatevi dietro Tuttocittà. Il tracciato dell’Acquedotto è segnalato ma non ha alcun nome.
Volendo è possibile continuare sul percorso. Le indicazioni sono piuttosto scarse ed è facile perdersi. Farò un sopralluogo e qualche foto prima di descriverne il secondo tratto.
Nella foto sopra vedete l'inizio del percorso, il punto preciso in cui entrare dietro la chiesa di San Bartolomeo di Staglieno. Sotto il tratto iniziale con uliveti a valle.
Per immagini e spiegazioni aggiuntive:Leggi l'articolo
Per la seconda parte: Leggi l'articolo

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film