Magazine Sabato 22 febbraio 2003

L'angolo

Magazine - È sempre lo stesso, non è mai cambiato, è l’angolo del palazzo di fronte a casa mia.
Non ha niente di strano o di curioso o di interessante, nessuno racconta aneddoti particolari o storielle divertenti legate a quel rapido posto, è semplicemente un angolo, lo spigolo del palazzo di fronte al mio.

La questione è che ogni volta che sono sul punto di svoltarlo provo una strana sensazione.
Sono come convinto che girandolo scontrerò una persona che cambierà la mia vita, un incontro da tapirulan di celluloide per capirci.
Come se non bastasse, ogni volta ho la sensazione che la cambierà in meglio la mia vita.

Ovviamente non ho mai scontrato nemmeno un gatto, e ogni volta nel non scontrare nessuno un pezzo di me si rattrista un poco.
Ma sono un tipo paziente.

Filo Q

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film