Concerti Magazine Sabato 22 febbraio 2003

Tu vo' fa' l'americano

Il made in Italy alla conquista degli States. Ma non parliamo di pasta, pizza, alta moda, auto supersportive o vino buono. Troppo banale. La chicca è che adesso esportiamo anche la musica. O meglio, i musicisti (e il mandolino non c'entra nulla). , pianista con la passione per il classicismo viennese e per gli autori del ’900 che sarà ospite della Giovane Orchestra Genovese lunedì 24 febbraio al (ore 21), è un solista da esportazione.

Il colpo di fulmine tra gli Stati Uniti e Arciuli è scoccato nel 1998, quando ha debuttato sul suolo americano al Corbett Auditorium dell’Università di Cincinnati. Un amore a prima vista ma intenso e duraturo. Infatti da quell’anno il pianista è professore ospite presso la stessa università (oltre ad essere titolare della cattedra di pianoforte principale al Conservatorio di Bari). E non è tutto. Perché Arciuli viene regolarmente invitato a tenere recital e lezioni a Denver, Philadelphia, Boston e Fort Lauderdale, nei principali atenei statunitensi. Recentemente ha ottenuto un grande successo al Miami International Piano Festival of Discovery, con un’esibizione culminata nell’incisione di un cd live.

Ma forse il segno più tangibile della stima che Arciuli riscuote presso gli addetti ai lavori americani è rappresentato da Round Midnight Variations. Si tratta di un gruppo di composizioni scritte appositamente da Kernis, Uri Caine, Fred Hersch, Rzewski, Babbit, Thomas, Torke, Harbison, Daugherty, Bolcom, Hoffman e via luccicando, un manipolo dei maggiori autori a stelle e strisce al servizio dell’arte del virtuoso Emanuele. Il quale, sia detto per inciso, riscuote grande successo anche in Europa, chiamato dai principali teatri e dalle principali orchestre da Venezia a Berlino, da Milano a Budapest.

Il programma del concerto di lunedì prevede musiche di Beethoven (sonata in la bemolle maggiore opera 110, Adams (Phrygian Gates), Berg (sonata opera 1) e Schonberg (sonata in do minore opera 111). Ingresso 20 euro platea, 10 euro galleria.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film