Magazine Martedì 15 dicembre 2015

«Aiuto, non riesco più a studiare! Che faccio?»

Studiare
© Shutterstock

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Ciao Antonella,
mi sono trovata per caso a cercare rimedio o consigli sul mio problema, ho letto qui un paio di cose e ho deciso di scrivere.
Ho 16 anni e vado ad un liceo linguistico. Parto dicendo che sono stata sempre una bambina abbastanza studiosa e portavo a casa ottimi voti, pur essendo molto piccola.

Adesso mi sono resa conto che non riesco più a studiare in nessun modo: faccio riassunti di quello che dovrei studiare e nel momento in cui dovrei mettermi a memorizzare gli argomenti, non so cosa mi succede, prendo tutto troppo alla leggera e rimando il lavoro, finendo di non studiare più niente e pensando a distrazioni qualsiasi. Non sono più come prima, non me ne frega più niente quando dovrei avere un test o un'interrogazione.
Poi ci sono periodi che trovo tutto molto difficile e mi vengono crisi di pianto, ma continuo a non risolvere niente.

Dico spesso tra me e me che non è la scuola adatta, ma non ho il coraggio e mai l'avrò di cambiare scuola e classe.
Penso di essere io il problema di fondo, ma non saprei dirlo con certezza. Soffro da un po' di tempo per un amore non corrisposto e per una famiglia poco comprensiva e a volte troppo per quanto riguarda il mio percorso scolastico. Secondo te potrebbero essere questi i motivi per il quale sono diventata così? Mi sento davvero deludente per quanto riguarda la scuola e le situazioni sentimentali.

Quali potrebbero essere i rimedi a tutto ciò? Ho sempre voluto almeno provare ad essere seguita da qualcuno, ma i miei genitori non vogliono perchè pensano che sia semplicemente pigrizia.

Ringrazio in anticipo,

Arianna

Cara Arianna,
complimenti. Pur nella confusione, abbastanza prevedibile, hai le idee chiarissime. E sei tanto giovane. Sì, hai ragione su tutto: le delusioni influiscono sia sulla capacità di concentrazione che sulla motivazione. Infatti la pigrizia non esiste, esistono stati d'animo che diventano ostacoli.

Sul farti seguire o meno, non so dirti: hai capito così bene, che forse potresti cavartela da sola. O forse potresti farti dare una mano, con un peso più lieve da portare, magari studieresti di più e meglio. Ho davvero troppo pochi elementi per dare un consiglio preciso. Posso solo dirti di fare molta attenzione nella scelta del terapeuta.
Coraggio cara, sei troppo sveglia per non ottenere ciò che ti serve, ciao,

Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Il tuo ex non muore mai Di Susanna Fogel Commedia U.S.A., 2018 Due amiche del cuore si ritroveranno improvvisamente e involontariamente coinvolte in un roccambolesco complotto internazionale. La causa di tutto? Un ex... come al solito! L’ex fidanzato di Audrey, spia in incognito, ritorna dal passato in cerca... Guarda la scheda del film