Magazine Mercoledì 2 dicembre 2015

Omosessualità e identità di genere, che differenza c'è?

Omosessualità
© Shutterstock

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Gentile Dottore,

cercherò di essere breve e coincisa. Sono omosessuale, sto vivendo da cinque anni la mia prima storia con una ragazza, ma durante i rapporti sessuali con lei per eccitarmi devo pensare di essere un uomo e anche nelle mie fantasie erotiche mi immagino con delle sembianze maschili. Tutto ciò ha iniziato a preoccuparmi, mi sto chiedendo se sia normale o se ciò non sia un indizio di un mio eventuale disturbo di identità di genere, a cui non avevo mai pensato prima. Non faccio che pensarci e provo un'angoscia estrema. La ringrazio per la sua risposta.

Giulia

Buongiorno Giulia,
lei è breve e concisa, nella sua esposizione e cercherò di esserlo anche io, nella mia risposta. Non sarà facile. Su questi temi, ad essere brevi e concisi, si rischia di essere fraintesi. (Spero che ciò non accada, ma, nel caso, la invito a farmelo sapere).

Dalla terminologia che lei usa, ritengo che lei si sia già informata su cosa si intende con la definizione di: disturbo (o disforia) di genere. (Di solito si consulta il DSM5).
Ma forse , nei testi, non è altrettanto specificato cosa si intende per omosessuale. Ecco, dovendo essere riduttivo, si intende, per omosessualita, l'interesse sessuale per persone dello stesso sesso. Ma questa definizione non spiega come questo interesse possa avvenire.

Nelle dinamiche relazionali vi sono molti aspetti e dettagli che devono essere presi in considerazione. Dinamiche che, in ambito omosessuale assumono una ampia gamma di atteggiamenti di relazione che si trovano e vengono vissute, sfumando, tra i due poli che si rifanno a due diverse identità di ruolo.

Ovvero (e nuovamente mi perdoni l'estrema sintesi) vi sono omosessuali maschi che amano fare il ruolo maschio con altri maschi ed omosessuali maschi che amano fare il ruolo femmina con altri maschi. Allo stesso modo vi sono omosessuali femmine che amano assumere il ruolo femmina con altre femmine ed omosessuali femmine che amano assumere il ruolo maschio con altre femmine.

Ovviamente questa è una estrema riduzione di un concetto e di un mondo, estremamente più ampio e sfaccettato. Ed è proposta solo come l'inizio di un discorso che va oltre le definizioni. Ma tornando alle banalità, noterà come gli omosessuali che invertono il loro ruolo, sono quelli che vengono più facilmente riconosciuti come tali.

Partendo da questo presupposto, non è poi cosi insolito , e men che meno preoccupante, che lei abbia fantasie del tipo che descrive, ma più semplicemente indica come lei, nel suo rapporto, sia piu incline (o trovi piu eccitante) assumere un ruolo più maschile con la sua compagna.

Ed avere fantasie, non è altro che uno, dei tanti modi considerati non patologici, per eccitarsi durante un rapporto sessuale. E si chiamano fantasie proprio perché non sono, dei progetti. In più lei dice di essere angosciata da questa ipotesi rispetto all'avere una disforia di genere e questo, in mancanza di altri ulteriori indizi, chiude (un po' bruscamente ma definitivamente) il discorso.

Spero che questo rapido e succinto riassunto, di una vastissima area che riguarda la sessualità umana, le sia stato, almeno, utile , per tranqullizzarla e per poter vivere con gioia (e passione) la sua storia d'amore.

Saluti
Dott. Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Sessuologo
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria

Oggi al cinema

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film