Concerti Magazine Giovedì 6 febbraio 2003

L'opera blasfema di Strauss

Magazine - Blasfema e lussuriosa. Vessata dalla censura. Funestata da litigi storici. La Salomé di Richard Strauss è un’opera che non può passare inosservata. E lascerà il segno, ne siamo certi, nella rappresentazione che andrà in scena dal 7 al 16 febbraio al . Sarà l’ottava esecuzione a Genova dal lontano ottobre del 1911, data della prima genovese del dramma musicale in un atto, che il compositore tedesco trasse dal testo teatrale (scritto in francese) di Oscar Wilde basandosi sulla traduzione di Hedwig Lachmann.

Fin dalla prima assoluta, avvenuta a Dresda nel 1905, la Salomé fu tacciata (come del resto il testo dalla quale è tratta) di essere contraria alla morale, e dovette fare i conti con le autorità censorie. Ma il successo, nonostante parte della critica si schierasse contro Strauss, fu notevole: oltre 50 teatri in tutta Europa ospitarono l’opera in due anni. In Italia il nome della Salomé è legato al diverbio tra l’autore e Arturo Toscanini: Strauss non si fidava del direttore d’orchestra italiano, e scelse di dirigere personalmente l’opera al Regio di Torino nel dicembre del 1906, mentre Toscanini la metteva in scena alla Scala di Milano, perché la critica potesse apprezzare come andava eseguita nelle intenzioni del compositore.

L’allestimento che andrà in scena a partire da venerdì ricalcherà quello che già avevamo visto a Genova nel 1996, per la regia di Giancarlo Corbelli. Direttore d’orchestra sarà Stefan Anton Reck, gli interpreti principali Chris Merrit (Erode), Hanna Schwarz (Erodiade), Janice Baird (Salomé) e Peter Weber (il profeta Jokanaan). La vicenda narrata sarà quella, celeberrima, della bella Salomé che danza per Erode, re di Giudea, chiedendo in premio la testa del profeta Jokanaan. Ma Wilde cala l’episodio biblico in un’atmosfera decadente e sensuale, addirittura incestuosa, nella quale aleggia il sentore di morte. E non è la morte del profeta, bensì quella di un’epoca, ad essere rappresentata. Strauss coglie appieno le intenzioni di Wilde, e le sottolinea con un’orchestrazione potente e dai toni vividi, ma pur sempre raffinati.

Queste le date e gli orari della rappresentazione:
venerdì 7 ore 20.30; domenica 9 ore 15.30; mercoledì 12 ore 20.30; venerdì 14 ore 20.30; domenica 16 ore 15.30.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Alps Di Giorgos Lanthimos Drammatico Grecia, 2011 Un gruppo di quattro persone denominato Alps (un'infermiera, un paramedico, una ginnasta e il suo allenatore) offrono, dietro pagamento di un’elevata cifra, un supporto particolare alle famiglie che hanno perso i propri cari. In un clima di annullamento... Guarda la scheda del film