Magazine Mercoledì 29 gennaio 2003

Forse

Magazine - Forse.
Non mi ricordo se
hai gli occhi nocciola come lui
Se hai i suoi stessi capelli bruni

Forse
eri seduto accanto a me
quel giorno in treno
e io ho letto di nascosto il tuo giornale

Forse
eri alla stazione
quel mattino nell’alba
infreddolito assonnato
sei salito solo sulla carrozza con me

Forse
eri steso al sole un pomeriggio al porto
e io passando ti ho fatto ombra

Forse
camminavi in quei vicoli oscuri
e mi hai guardata

Forse
girovagavi annoiato sotto quei portici, solo
e io ero troppo sola per raccogliere il tuo sguardo

Forse
eri in quel bar
e seduti vicini sognavamo
persi nella dolce schiuma di latte
Quando mi sono voltata non c’eri più
te ne sei andato nei tuoi pensieri
Stavi forse cercando me?

Karen Carbone

di Daniela Carucci

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Ascensore per il patibolo Di Louise Malle Drammatico, Thriller Francia, 1958 D'accordo per uccidere il marito della sua amante, un uomo dopo aver commesso il fatto rimane intrappolato nell'ascensore dell'abitazione dove é avvenuto il delitto. Un'escalation di tradimenti, omicidi progettati e commessi, di dettagli che complicano... Guarda la scheda del film