Trekking in Sardegna: Capo Carbonara e Punta Molentis - Magazine

Viaggi Magazine Domenica 13 settembre 2015

Trekking in Sardegna: Capo Carbonara e Punta Molentis

Punta Molentis
© Roberta Gregori
Altre foto

Magazine - C’è un’altra Sardegna oltre a quella di agosto delle famose spiagge molto affollate dove spesso non c’è lo spazio per distendere l’asciugamano, della schiera di ombrelloni che oscurano la vista del mare e della musica rimbombante dei chioschi che ne coprono il rumore, dei prezzi folli (l'affitto dei lettini può arrivare fino a un centinaio di euro al giorno), della cementificazione selvaggia, del poco rispetto dell’ambiente con i mozziconi di sigaretta gettati nella sabbia e gli accumuli di sacchetti di immondizia (vedi il problema della raccolta dei rifiuti per le abitazioni abusive), dello struscio serale in tiro lungo la solita via, guardando la solita mercanzia dei soliti mercatini.

L’altra Sardegna è invece quella che, anche in pieno ferragosto, mostra, lontano dalla calca, il lato più autentico con i paesaggi mozzafiato e una flora straordinaria. Come? Infilando un paio di scarponi da trekking e incamminandosi per i tanti sentieri che l’isola offre sia lungo la fascia costiera che all’interno nelle splendide montagne.

Quest’estate ho deciso di esplorare l’Area Marina Protetta di Capo Carbonara, una zona nella parte sud est della Sardegna che si estende da Capo Boi fino l’isola della Serpentara, percorrendo due facili tracciati che da Villasimius portano uno a Capo Carbonara e l’altro a Punta Molentis.

Il passare dopo un breve tratto di cammino da una spiaggia piena zeppa a delle baie deserte, o quasi, e il trovarsi immersi in un ambiente incontaminato respirando i profumi della macchia mediterranea è stato davvero impagabile ed ha rimosso ogni perplessità sul camminare sotto il sole cocente di agosto.

Ecco quindi il mio consiglio: in alternativa, o in alternanza, ad un soggiorno tutto mare nelle spiagge più note, mettersi in cammino per scoprire “l’altra Sardegna”.

Potrebbe interessarti anche: , E tu di che Capodanno sei? Wadi rum, Londra, Andalusia oppure Abu Dhabi? , Vienna: cosa vedere in tre giorni, tra musei, palazzi e tour del vino , Tour in Costiera Amalfitana: una vacanza in barca da sogno , Capodanno in Giordania: il 31 dicembre brinda sotto le stelle del Wadi Rum , Tradizioni giapponesi: rilassarsi negli onsen e dormire in un ryokan

Fotogallery