Magazine Mercoledì 22 gennaio 2003

Le statue cosa dicono?

Ci deve essere stato un giorno lontano in cui le statue hanno aperto la bocca.

Così penso a tutti gli dei residenti ad Atene, ai faraoni sdraiati, alle statue in giro per Roma, ai faccioni pietrificati sull’isola di Pasqua, ai grassissimi Buddha, ai Gesù a spasso, ai Pietri, ai Presidenti americani, penso a loro e penso a quel giorno, nel quale aperte le bocche persero il loro aspetto divino e si abbassarono ad essere dei quasi-mortali, un po’ più rigidi e freddi.

Da quel giorno smisero di incutere timore e di donare sicurezza.
Persero il rispetto che chi deve morire porta a chi non ha di questi obblighi.
Erano diventati uomini comuni come quelli che incontri dal droghiere.

La domanda che mi martella è cosa sia successo quel giorno, spero ne valesse la pena, spero che abbiano ricevuto una grande verità e che abbiano provato a gridarla.

O forse erano solo stanchi di stare in piedi e gli è scappato uno sbadiglio.

Filo Q
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film