Magazine Mercoledì 22 gennaio 2003

Le statue cosa dicono?

Magazine - Ci deve essere stato un giorno lontano in cui le statue hanno aperto la bocca.

Così penso a tutti gli dei residenti ad Atene, ai faraoni sdraiati, alle statue in giro per Roma, ai faccioni pietrificati sull’isola di Pasqua, ai grassissimi Buddha, ai Gesù a spasso, ai Pietri, ai Presidenti americani, penso a loro e penso a quel giorno, nel quale aperte le bocche persero il loro aspetto divino e si abbassarono ad essere dei quasi-mortali, un po’ più rigidi e freddi.

Da quel giorno smisero di incutere timore e di donare sicurezza.
Persero il rispetto che chi deve morire porta a chi non ha di questi obblighi.
Erano diventati uomini comuni come quelli che incontri dal droghiere.

La domanda che mi martella è cosa sia successo quel giorno, spero ne valesse la pena, spero che abbiano ricevuto una grande verità e che abbiano provato a gridarla.

O forse erano solo stanchi di stare in piedi e gli è scappato uno sbadiglio.

Filo Q

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione