Magazine Mercoledì 8 luglio 2015

«L'ho conosciuto su Facebook. Era amore, ma poi?»

Ragazzi che si lasciano
© Shutterstock

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve dottore,

anche io vorrei parlarle della mia esperienza. Ho conosciuto a dicembre un ragazzo su Facebook e da quel momento lì quasi sempre, nonostante fosse impegnato, ci sentivamo...o meglio mi contattatava di tanto in tanto.

Sono una ragazza di 17 anni e anche lui lo è. Dopo 5 mesi di questa conoscenza virtuale, lui decide di vedermi, dopo essersi lasciato con la sua ragazza. Così, dopo un'altra uscita, decidiamo di iniziare una relazione. Ammetto che a lui ho sempre tenuto tanto. Accade però che nemmeno dopo un mese di "coppia" facciamo una lite, scaturita data da una foto che ben poco mi convinceva e dalla mia troppa gelosia.

Dopo aver minacciato di lasciarlo, lui coglie l'opportunità per interrompere la nostra relazione. Decido di scrivergli un messaggio dove gli chiedo scusa e che lo amo ed ho bisogno di lui, ma nonostante le belle e toccanti parole del mio pensiero che l'hanno, come anche lui ha ammesso "spiazzato" decide lo stesso di voler prendersi una pausa più o meno breve di riflessione e di lasciare da parte per il momento il nostro fidanzamento, nonostante lui abbia detto di essere innamorato, di tenerci a me e di non volermi perdere. Cosa fare?
La ringrazio del suo consiglio,

Alessia

Buongiorno Alessia,

credo che lei abbia già una vasta conoscenza diretta ed indiretta (vedi Facebook) di "come vanno le cose" anzi di come vanno "queste" cose. E avrà notato che a seconda della "fonte" tutti dicono tutto ed il contrario di tutto. Questo significa soltanto che, in realtà, nessuno sa "davvero", come " vanno queste cose", e più o meno tutti sono in difficoltà a "capire" quando c'è di mezzo "il cuore".

Detto questo , mi permetto solo di esprimere il mio "punto di vista " veda lei se può esserle utile. Intanto non ho mai creduto che le "pause di riflessione " possano servire a qualcosa. A meno che non stiamo parlando di qualche ora , giusto per avere il tempo di riflettere a mente fredda.

Tralascio il "fattore età " (entrambi siete molto giovani ed in un periodo di grandi e veloci cambiamenti). Ma resto sempre un po' sorpreso quando leggo sui muri "ti amerò per sempre" scritto da persone che vivono in un orizzonte temporale lungo al massimo qualche mese. E magari sono anche sinceri, anche se non dovremmo più sorprenderci nello scoprire che ci sono persone sincere a metà. Anche se ci piace pensare che quelle che amiamo siano sincere sempre,

E per finire ci sono persone che "amano" tenere il piede in due (o piu) scarpe.
Infine noto che lei parla di "fidanzamento" ma temo che lo usi in maniera impropria. In origine il "fidanzamento" era un atto formale con cui un uomo ed una donna ufficializzavano, davanti alle loro famiglie, l'intenzione di sposarsi a breve ed in virtù di questo chiedevano il permesso formale di frequentare in pubblico. Da notare che la rottura del fidanzamento era una cosa piuttosto seria che comportava reazioni e sanzioni a volte pesanti.

Non mi sembra il suo caso. Mi sembra piuttosto che il suo lui abbia manifestato l'intenzione di frequentarla parte time ovvero che lei gli "interessa abbastanza" da frequentarla ma non così tanto da frequentarla in "esclusiva".
Dunque nessun consiglio, Spero solo che questo mio "punto di vista" le sia d' aiuto per fare le sue scelte.
La buona notizia è che è iniziata l'estate.
Se la goda più che può.

Saluti
Dott.Marco Emilio Ventura
Psicologo Psicoterapeuta Mental Coach
Genova

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Grand Budapest hotel Di Wes Anderson Commedia, Drammatica Germania, U.S.A., 2014 Grand Budapest Hotel narra le avventure di Gustave H, leggendario concierge di un lussuoso e famoso albergo europeo e di Zero Moustafa, un fattorino che diviene il suo più fidato amico. Sullo sfondo, il furto e il recupero di un celebre dipinto... Guarda la scheda del film