Magazine Lunedì 13 gennaio 2003

La verità è l'invenzione di un bugiardo

Magazine - In La verità è l’invenzione di un bugiardo. Colloqui per scettici (Meltemi, Roma, 2001), Heinz von Foerster e Bernhard Porksen scrivono:

Così imparai che nell’infinità del regno di Dio non esistono menzogne: tutto è vero. Ma tutto è vero perché non esistono menzogne. Per fare capire questo, Nicolò Cusano ci offre una metafora: immaginiamo un cerchio con un diametro limitato ingrandirsi, ingrandirsi, sempre di più, fino a che il diametro diventi infinitamente grande: allora, il perimetro si trasformerà in una retta perfetta. Un cerchio infinito è identico a una linea retta! Le opposizioni, parte e controparte, in questo caso coincidono: è la coincidentia oppositorum.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana. Ha recentemente curato, assieme a Franca D'Agostini, il volume , edito da Einaudi).

Vedi anche:
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo







e le interviste

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti