Magazine Martedì 23 giugno 2015

«Non lo voglio più. Ma lui insiste. Ho paura»

Fine di una storia
© shutterstock

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Buongiorno,

ho bisogno di consigli e mi ispirano le sue risposte. Faccio solo un riassunto perché se no sarebbe davvero lunga da raccontare.

Dopo più di 6 anni lascio il mio compagno in quanto qualche volta l'ho beccato a fare lo sciocco con altre donne (telfeonate quotidiane per tanto tempo, messaggi e messaggi anche hot) e nel primo anno anche un tradimento fisico. L'avevo già lasciato, ma il troppo amore che avevo per lui mi faceva sempre perdonare. Oltre a questo, in qualche occasione nell'ultimo anno, era diventato anche un po' violento.

Al che, dopo un tentativo di perdono l'anno scorso, mi accorgo che non riesco più a stare con lui e che ho anche un po' paura, cosi una sera senza saperlo si crea l'occasione e lo lascio. Il giorno dopo gli restituisco tutta la sua roba tramite i suoi genitori, che erano al corrente.

Io premetto che ho sempre dato tutto per lui e cercavo di non fargli mancare niente sotto nessun punto di vista, quindi non capisco questi suoi comportamenti che per me son diventati intollerabili.

Ora è un mese e mezzo che l'ho lasciato, ma non se ne fa una ragione: mi chiama, mi scrive sms di tutti i tipi, addiriturra prima parlava di non voler vivere, così mi aveva minacciata, finché una sera si è sentito male, mi hanno chiamata per andare là insieme ai suoi genitori e, per l'ennesima volta, gli ho ribadito che non voglio più stare con lui, che non lo amo più e voglio stare sola.

Ma lui non accetta questa cosa e dice che vuole stare con me, che ha capito i suoi sbagli. ( Sta finalmente andando anche dallo psicologo).
Ma io gli ripeto che se si riprende e capisce buon per lui, ma io non lo voglio più! Insomma non so come fare per cercare di allontanarlo da me.

Tenga presente che son stata chiara sul mio non ritorno e che quando manda certi tipi di messaggi non gli rispondo nemmeno. Ho avuto anche paura per questo. Adesso che sembra (anche se insiste ancora molto) più tranquillo gli rispondo solo allo stretto necessario per evitare reazioni come quelle precedenti, ma sempre dicendogli che mi deve lasciare sola e stare. Gli ho anche detto che semmai un giorno dovessi cambiare idea, glielo direi io senza avere lui con il fiato sul collo.

Adesso vorrei svegliarmi e pensare che sia stato un brutto sogno.
L'ho amato tanto ora voglio sempre il suo bene ma non voglio più accanto una persona della quale non mi fido e della quale ho avuto paura, anche se lui giura di essere cambiato, ma io credo che forse con un altra donna potrà mettere in pratica questi nuovi atteggiamenti, mentre con me ormai è storia finita.

Come posso far sì che la smetta? Mi rovina la giornate, lo fa per farmi capire che mi pensa e mi ama, ma a me questo da fastidio perché non lo voglio più, ma lui non lo capisce.
Che fare?

Io
Cara Io,

continui a ascoltare la paura, non torni indietro assolutamente, non gli permetta di impietosirla. Non posso valutare il pericolo ma, qualunque sia, non è il caso di correrlo.

Poi faccia le cose ovvie: dia un taglio drastico anche con la famiglia di lui. Nessuno dovrà più chiamarla in caso di crisi, non sia più disponibile. Spieghi, se crede, i motivi della sua decisione. Ma sia ben chiara sul fatto che la violenza, anche piccola è un punto di non ritorno.

Poi cambi numero di cellulare, indirizzo mail e blocchi i profili dei social di lui e dei famigliari. Lo faccia senza remore né rimpianti, senza temere che la sua preoccupazione sia eccessiva. Se in futuro lo vedrà per la strada con moglie e tre figli, non pensi di aver esgerato, si congratuli con se stessa: se lui cambierà, lo dovrà anche alla sua posizione rigida.

E, mi raccomando, se lui dovesse chiederle un incontro per spiegarsi, spaventato da un comportamento che non lascia speranze, non accetti assolutamente, nemmeno se pensa di andare accompagnata. Meglio sentirsi un po' sciocca, che correre rischi. Se nella sua città c'è un centro antiviolenza, vada e chieda magari un sostegno psicologico per rimanere salda sulle sue posizioni.

Tanti auguri, se le servisse, mi riscriva,

Antonella

P.S. Per Luca P. Non posso rispondere alla sua mail: non spiega abbastanza, si sforzi di raccontare, servirà anche a lei, potrebbe trovare la soluzione senza bisogno di spedire.

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film