Magazine Lunedì 13 aprile 2015

È morto Günter Grass, Nobel e voce della nuova Germania

Günter Grass
© shutterstock

Magazine - È morto Günter Grass. Lo scrittore e drammaturgo tedesco, Premio Nobel per la Letteratura nel 1999, è stato il padre intellettuale della Germania post-bellica. Si è spento a Lubecca il 13 aprile 2015, a 87 anni.

Per oltre mezzo secolo Grass è stato considerato la coscienza critica di una generazione. Una voce di pace che ha spinto i suoi connazionali a fare i conti con le colpe indelebili dell'era nazista. Un solido punto di riferimento per la scena culturale e sociale della Germania del secondo Novecento, nonostante le tante contraddizioni che, negli anni, hanno contraddistinto la sua figura: dalla dichiarazione, dopo la caduta del Muro di Berlino, che sarebbe stato meglio tenere separate le due Germanie per evitare che una nazione unita potesse riacquistare un ruolo belligerante, alla recente presa di posizione contro la politica economica tedesca e in difesa di quella greca. Fino alla coraggiosa confessione della vergogna: quella del 2006, in cui ammise di aver subito in gioventù il fascino di Hitler e di essersi arruolato volontario nelle SS. Un segreto tenuto nascosto per sessant'anni, una rivelazione che molti tedeschi non riuscirono a mandare giù.

Nato nel 1927 a Danzica quando era una città stato autonoma, Grass fu tra i maggiori rappresentanti del Gruppo 47, il movimento culturale nato con l'obiettivo di far risorgere la cultura tedesca dopo la repressione nazista. Il successo internazionale arrivò nel 1959 con il romanzo d'esordio Il tamburo di latta, il primo della cosiddetta Trilogia di Danzica, di cui fanno parte anche Gatto e topo e Anni di cani, rispettivamente del 1961 e 1963.

Nel 1999, l'anno del Nobel, pubblicò Il mio secolo, cento racconti, uno per ogni anno, per ripercorrere i principali fatti che hanno contraddistinto i limiti e le contraddizioni della storia tedesca e internazionale del Novecento. Poco più di un anno fa Günter Grass aveva annunciato il suo addio alla scrittura.

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film